Imola. Nicolas Fini, il giovane imolese che era stato condannato a sei anni e otto mesi di carcere per avere ucciso il 28 giugno 2009 a colpi di machete il patrigno violento Emiljan Keci che aveva un rapporto burrascoso con la madre di Nicolas, è stato scarcerato e la sua pena resta sospesa in attesa dell'udienza del tribunale di Sorveglianza che dovrà decidere se affidarlo o meno ai servizi sociali. Durante gli anni passati in galera Nicolas, che all'epoca aveva 19 anni, si è sempre comportato in modo irreprensibile e ha così avuto qualche giorno di permesso da trascorrere nella casa del padre. Ora, come spiega il suo avvocato Oliva, “la pena è sospesa fino all'udienza del Tribunale di sorveglianza”. Quindi passerà a casa le festività natalizie.

L'omicidio suscitò molto scalpore perché, solo dopo che Keci stava nuovamente litigando con la madre di Nicolas il quale aveva chiamato i carabinieri già presenti sul posto nella casa di via 1° Maggio, il 19enne colpì con un machete a morte l'albanese. Gli amici di Nicolas presero da subito le sue difese su Facebook. Ora, forse, questa brutta vicenda sta per risolversi positivamente per il giovane imolese.

(m.m.)