Imola. In nome della trasparenza, il Movimento 5 stelle chiederà una modifica al regolamento del consiglio comunale nella prossima commissione Affari istituzionali. Secondo il consigliere pentastellato Patrik Cavina “le adunanze del consiglio comunale sono riprese a carico e del Comune e trasmesse via web sul sito istituzionale”. Ma ecco la prima importante novità: “Il Presidente del consiglio comunale autorizza la ripresa e la trasmissione delle sedute da parte di radio, televisioni e cittadini interessati, restando in ogni caso a carico del richiedente ogni responsabilità in merito alla divulgazione delle riprese”. Ovvero, chiunque potrà filmare le sedute a patto che “le riprese e la trasmissione delle sedute, restino in ogni
caso a carico e sotto responsabilità del richiedente per eventuali violazioni della normativa in materia di privacy”. Dunque, se uno o più consiglieri saranno contrari, non potranno essere inquadrati dalle telecamere.

Infine, sempre secondo Cavina, “sarà cura del Presidente del consiglio comunale fornire preventiva informazione a tutti  i partecipanti alle sedute circa l’ esistenza di videocamere e della successiva trasmissione delle immagini. La comunicazione di cui al presente comma può essere data una-tantum .Sarà altresì cura del Presidente del consiglio comunale, far apporre nella sala consiliare cartelli che ricordino la presenza delle telecamere.  I soggetti che riprenderanno le sedute dovranno aver cura di non effettuare in nessun caso inquadrature che possano rendere riconoscibile il pubblico che assiste alle sedute”.