Imola. Era talmente ubriaco da disturbare fin troppo i clienti di un bar della periferia. A quel punto, il gestore ha chiesto l'intervento dei carabinieri di Imola e Dozza che, non senza difficoltà visto che il giovane era molto alterato dall'effetto dell'alcol, hanno arrestato un ragazzo del Marocco di 23 anni, domiciliato a Imola, per resistenza a pubblico ufficiale, minaccia aggravata e danneggiamento. L’arresto è stato eseguito durante un servizio di pronto intervento nei giorni scorsi verso le 22.30 All’arrivo dei carabinieri, il 23enne è andato su tutte le furie e per evitare di essere identificato ha danneggiato alcuni soprammobili del locale e ha cercato di allontanare un militare dell'Arma con il collo rotto di una bottiglia, ma il carabiniere non si è fatto intimorire e dopo una breve trattativa ha convinto il giovane a posare per terra il pezzo di vetro e a collaborare.

Il 23enne ha simulato la resa e ha tentato la fuga ma è stato bloccato da un altro carabiniere con cui ha avuto una breve colluttazione. Il marocchino è stato arrestato e il carabiniere aggredito è stato soccorso dai sanitari del 118 che gli hanno diagnosticato un trauma e varie ferite lacero contuse guaribili in 10 giorni.