Bassa Romagna. In occasione della Giornata internazionale della donna, i nove Comuni della Bassa Romagna propongono un ricco calendario di iniziative legate alla sensibilità e al mondo femminile. Una serie di eventi, organizzati con la collaborazione delle amministrazioni e delle associazioni del territorio, abbracceranno diverse tematiche legate al mondo femminile per ricordare conquiste sociali, politiche ed economiche che le donne sono riuscite a ottenere in oltre un secolo di lotte, ma anche incontri dedicati all'arte, alla musica, al cinema e alla letteratura al femminile.

 

Il calendario degli appuntamenti non sarà limitato alla sola giornata dell'8 marzo, ma si svilupperà per oltre un mese con una serie di rassegne che valorizzeranno il caleidoscopio femminile in molte delle sue sfaccettature. Ecco dunque una panoramica sugli eventi organizzati per la giornata dell'8 marzo.

 

Ad Alfonsine “tutto marzo è donna”, con appuntamenti che proseguiranno fino alla fine del mese. Mercoledì 5 dalle 9 alle 11 ci sarà la Festa della donna nella Sala “Sci club” di piazza Monti, nell’ambio di “Incontri tra donne”: si tratta di un nuovo progetto che ha l'obiettivo di coinvolgere le donne residenti nel comune per condividere un po’ di tempo al femminile, ascoltarsi, confrontarsi, socializzare problematiche e cercare insieme soluzioni quando possibili. Il progetto nasce con il sostegno di due associazioni femminili presenti sul territorio: CIF (Centro italiano femminile) e UDI (Unione Donne in Italia), due associazioni con ideologie storicamente distanti tra di loro che in questa occasione sostengono un comune progetto interamente pensato e organizzato da donne per le donne. Il progetto si avvale del patrocinio e della collaborazione del Comune di Alfonsine e di chiunque voglia mettere a disposizione la propria sensibilità, la propria competenza e la voglia di dare un contributo. Giovedì 6 e 13 marzo alle 21 si terrà “Marzo Donna”, la rassegna di film al femminile organizzata da Cineclub Kamikazen e Arci Ravenna, in collaborazione con il Comune di Alfonsine. La rassegna si tiene al cinema “Gulliver” in piazza Resistenza 2 e nelle due giornate di marzo sarà proiettato “Anita B.” di Roberto Faenza. Venerdì 7 marzo alle 10 ci sarà l’inaugurazione di nuove aree di circolazione intitolate a donne: rotonda Nilde Iotti, rotonda Madre Teresa di Calcutta e parco Noemia Tardozzi. Sarà presente Linda Errani, sindaco referente alle Pari Opportunità per l’Unione dei Comuni, con le ragazze e i ragazzi dell’istituto comprensivo di Alfonsine. Sempre venerdì, alle 20.30, a palazzo Marini in via Roma 10 si svolgerà un incontro con l’arte e la musica delle “donne di Verdi”, con un commento artistico della pittrice Ottaviana Foschini e le celebri Romanze verdiane interpretate da Anna Cavini, Elena Leanca, Angelo Proni e Romeo Signani. Conduce la serata Sandra Rossini. L’iniziativa è a cura del CIF di Alfonsine.

 

Sabato 8 marzo alle 17 verrà inaugurata la mostra “Le stagioni della donna”, con fotografie di Wilma Guerrini e acquerelli di Ottaviana Foschini in esposizione alla galleria del Museo della Battaglia del Senio in piazza della Resistenza. La mostra sarà visitabile fino a domenica 30 marzo, tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.

 

Domenica 9 marzo alle 10.30 avrà luogo la cerimonia di intitolazione a Rita Levi Montalcini della sala riunioni della Casaincomune di piazza Monti e, alle 12.30 nella sala parrocchiale di corso Repubblica 26, un pranzo seguito da intrattenimento musicale e culturale con le voci di Anna Cavini, Elena Leanca, Claudia Salvatori, Angelo Proni, Romeo Signani e Vittorio Miani e interventi delle “Donne di Parola” di Sant’Alberto. Quest’ultima iniziativa è a cura del CIF, in collaborazione con il Comune di Alfonsine e la parrocchia Santa Maria.

 

Sabato 15 marzo alle 17 a palazzo Marini di via Roma 10 sarà ospite Josefa Idem, che racconterà la sua vita tra vittorie, sconfitte e impegno. L’incontro, intitolato “Partiamo dalla fine” e curato dal CIF, sarà seguito da un aperitivo a buffet.

 

Giovedì 20 marzo alle 19.30 nella sala parrocchiale di corso Repubblica 26 sarà proiettato il cortometraggio di Linea Rosa “Prima che faccia buio”. La pellicola racconta una storia vera, un fatto di cronaca accaduto proprio a Ravenna che le operatrici di Linea Rosa hanno potuto seguire da vicino, assistendo una donna in fuga da quel mostro che, alla fine, è riuscito ad avere la meglio. Seguirà una cena con l’autrice Alessandra Pauncz. L’iniziativa è a cura del CIF Provinciale di Ravenna e Comitato Comunale di Alfonsine, Linea Rosa di Ravenna, in collaborazione con Assessorati alla Cultura e alle Pari Opportunità del Comune di Alfonsine

 

Giovedì 20 e 27 marzo infine, sempre alle 21, la rassegna di film al femminile “Marzo Donna” al cinema Gulliver, organizzata da Cineclub Kamikazen e Arci Ravenna, in collaborazione con il Comune di Alfonsine. La programmazione è ancora in via di definizione.

 

Nel Comune di Bagnacavallo il primo appuntamento è nella frazione di Villanova, al circolo ARCI Casablanca di via Chiesa 10: venerdì 7 marzo alle 19.30 si potranno gustare cappelletti e dolci, mentre alle 20.30 inizierà lo spettacolo “Stra-ordinarie: voci e storie di donne”, un omaggio alle donne che moltiplicano la vita, alla loro bellezza luminosa e regale, al loro provvedere ad ogni cosa. Donne ordinarie fanno qualcosa di straordinario: sconfinando nel mondo artistico con straordinaria leggerezza rendono possibili dimensioni e osmosi altrimenti impensabili tra l'eterno femminino e l'intera umanità. Lo spettacolo è a cura dell’associazione Artemide, SPI Cgil, Uil Pensionati, Cisl Pensionati. La direzione artistica è di Valentina Contadini, con intermezzi musicali di Stefania Cattani, Loretta Contadini, Raffaello Bellavista, Joaquin Quinonero, Alberto Zaganelli e Gloria Ferretti. L’ingresso è di 12 euro, con prenotazione entro il 4 marzo chiamando il 340 0913269, oppure 339 7611282.

 

Venerdì 14 marzo alle 20.30 l’appuntamento è al teatro Goldoni con uno spettacolo teatrale per raccogliere fondi da destinare all’attività di volontariato dell’associazione Demetra. In scena andrà “Manutenzioni – Uomini a nudo”, una pièce teatrale tratta dall’omonimo libro di Monica Lanfranco. L’ingresso è a offerta libera e l’assegnazione dei posti sarà effettuata a partire dalle 19 il giorno stesso dello spettacolo, presso la biglietteria del Goldoni. Sul palco nove uomini, non attori nella vita, di differenti età, che si sono messi in gioco e daranno voce agli uomini che risposero a Monica Lanfranco. Recitano Daniele Baroni, Alessandro Bongarzone, Luca Bortolazzi, Aldo Brianzi, Roberto Brunetti, Nicolino Ciancone, Giovanni Fontanieri, Stefano Mazzesi e Luca Zoldan.

 

Torna anche “Quotarosa”, la rassegna culturale al femminile che giunge quest’anno alla sua terza edizione. Quotarosa si terrà dal 6 al 21 marzo, sempre alle 21, in Bottega Matteotti, presidio culturale e attività commerciale di Bagnacavallo. E’ ideata e organizzata dall’associazione culturale Controsenso e mira a valorizzare il talento femminile, senza pregiudizi e al di fuori degli schemi. “Il titolo è una provocazione – precisa l’associazione -, il mondo che vogliamo non necessita di quote rosa”. Il primo appuntamento sarà giovedì 6 marzo e vedrà “Dieci donne all’opera: dalla Regina della Notte a Salomè”, a cura di Michele Antonellini. Una lezione divulgativa che ha per protagoniste dieci significative e famose eroine dell’opera lirica, dal Settecento al Novecento. Dieci donne raccontate con l’aiuto delle proiezioni che le vedono agire in scena. L’appuntamento è inserito anche nel calendario “Bottega della musica”

 

Si continua giovedì 13 marzo con “Le innamorate. Cantanti e liscio in Romagna: confessioni private” (Edizioni Moderna, 2013), con Silvia Manzani, Giampiero Corelli, alcune protagoniste della musica romagnola e la partecipazione di Cristiano Cavina. Dentro le tradizioni, dentro i camerini, dietro i palcoscenici e dietro i lustrini. Un libro che, attraverso immagini e racconti di vita, ci fa incontrare le donne che hanno cantato con i grandi maestri del passato e quelle che ancora calcano le scene. Una nicchia preziosa dove le radici si mescolano all’innovazione; e dove la donna romagnola, con le sue rinunce e la sua forza, la sua passione e le sue paure, è sempre in primo piano. A inizio serata ci sarà un intervento di Raffaele Gordini, vicepresidente del Credito Cooperativo ravennate e imolese, banca sostenitrice del progetto.

 

Martedì 18 marzo la serata sarà dedicata al film “Caramel” (Commedia; Libano/Francia, 2007, 95 minuti) di Nadine Labaki, a cura di Mario Mazzotti. A Beirut alcune donne lavorano in un istituto di bellezza; in quel microcosmo colorato e pieno di sensualità, donne di diverse generazioni, parlano di loro stesse, si scambiano confidenze e si raccontano le loro storie.

 

Venerdì 21 marzo sarà il turno di “Musiche per una poetessa: Christine de Pizan”, con Miho Kamiya (soprano), Nozomi Shimizu (flauti), Marianne Gubri (arpa gotica). Le musiche dei più grandi compositori vissuti tra la fine del Trecento e l’inizio del Quattrocento. Un percorso ideale per la messa in musica della vita della poetessa e scrittrice Christine de Pizan (Venezia 1362 – Monastero di Poissy 1431). Una serata nel Rinascimento con madrigali, chansons, danze e ballate. Anche questo appuntamento, come quello del 6 marzo, è inserito nella rassegna “Bottega della musica”.

 

Inoltre, fino al 30 marzo, in vetrina sarà esposta “MiniMondi”, la mostra personale di Margherita Tedaldi: racconti di un mondo apparentemente irreale ma esistente nei nostri sogni, nelle fantasie o nei ricordi. Tra realtà e immaginazione, piccoli elementi pittorici si uniscono a fili di lana, frammenti di carta, striscioline di stoffa, unendosi al colore, ai segni del pennello, agli scarabocchi a matita che riemergono dalla memoria.

 

A Bagnara di Romagna l’8 marzo le donne dell'UDI di Bagnara offriranno in Piazza Marconi la mimosa: le offerte raccolte verranno utilizzate per l'acquisto di materiale per le scuole locali.

 

Domenica 9 marzo alle 17 sarà inaugurata una mostra delle opere di Angela Zini e Anna Tazzari dal titolo “Le forme della felicità”, allestita nella sala consiliare della Rocca Sforzesca. La cerimonia sarà accompagnata da letture e musica dal libro di Alba Piolanti “Cappuccino viola e altri racconti”, a cura di Alessandra Liparesi e Carmen Falconi. La mostra sarà visitabile fino al 30 marzo (ad esclusione del 22 e 23 marzo) dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Aperture straordinarie possono essere concordate previa richiesta, per informazioni chiamare lo 0545 905508.

 

Venerdì 14 marzo alle 21 ci sarà “Un tè con Jane” alla biblioteca comunale “Il Torrioncello”, un viaggio nella vita e nell'opera di Jane Austen, una delle più grandi scrittrici inglesi di tutti i tempi che continua ad appassionare e ispirare anche le nuove generazioni. Durante la serata, la presentazione della Austen, come scrittrice e come donna, sarà intervallata dalla lettura di alcuni dei passi più famosi dei suoi romanzi, tratti da “Orgoglio e pregiudizio”, “Emma”, “Ragione e sentimento”, e dalla visione di scene del film biografico “Becoming Jane” del 2007, basato sulla corrispondenza della scrittrice con la sorella. Infine, i partecipanti potranno gustare una buona tazza di tradizionale tè inglese: un appuntamento immancabile per onorare una giornata con la “maestra del lieto fine” della narrativa preromantica. L’iniziativa è a cura della cooperativa sociale Il Mosaico, con la partecipazione di “Erboristeria da Laura” di Massa Lombarda.

 

A Conselice venerdì 7 marzo alle 20.30 nella Sala Rossa del municipio donne sportive e volontarie racconteranno “Storie di passione”, con: Giulia Baldini, calciatrice della società “Riviera di Romagna” di serie A; Martina Corelli, campionessa italiana di taekwondo; Natascia Bordini, istruttrice di “jazzercise”; Marisa Afflitti, presidente della Pro Loco di Conselice; Carla Ghirardini, presidente del centro sociale “Maurelio Salami” di Lavezzola.

 

Sabato 8 marzo alle 10.30 al centro sociale “M. Salami” di Lavezzola alle 14.30 si terrà un incontro con Fulvia Signani, autrice di “La salute su misura: medicina di genere non è medicina delle donne”

Fino al 31 marzo, nella biblioteca comunale Giovanna Righini Ricci, ci sarà inoltre “Libri in vetrina: la biblioteca delle donne”.

 

A Cotignola lunedì 10 marzo alle 20.45 al teatro Binario ci sarà “Il cammino dei  diritti delle donne. capirne la genesi per garantirne il futuro”, una conferenza con tre relazioni: “I diritti femminili: il significato culturale, politico, giuridico”, a cura della professoressa Silvia Vida dell’università di Bologna; “L’origine giuridica dei diritti femminili: Olympe de Gouges e Mary Wollston Craft”, presentazione della ricerca della dottoressa Luisa Bismuti; “La situazione  attuale, una legislazione insufficiente”, a cura della dottoressa Nadia Somma, presidente dell’associazione Demetra – Donne in aiuto.

 

A Lugo ad aprire il ciclo degli appuntamenti è il Caffè Letterario di Lugo: mercoledì 5 marzo alle 21 nella sala conferenze dell’hotel Ala d'Oro sarà presentato il libro “Dieci donne” di Marco Severini (ed. Liberi libri). Il 25 luglio 1906 la Corte di appello di Ancona, presieduta da Lodovico Mortara – insigne giurista poi ministro della Giustizia -, accordò a dieci donne marchigiane il diritto di voto politico. Tuttavia, poiché non si verificò alcuna crisi di governo nei mesi in cui queste donne rimasero iscritte alle liste elettorali dei reciproci Comuni di residenza, esse non ebbero modo di esercitare quel diritto, annullato da una successiva sentenza della Cassazione: una storia poco conosciuta di donne che precorsero i tempi.

 

Venerdì 7 marzo alle 20.30 nel salone Estense della Rocca di Lugo ci sarà “Antonietta e le altre”, con letture di storie di donne della Bassa e interventi musicali. Si tratta di un viaggio tra episodi e storie che hanno contraddistinto il mondo femminile del secolo scorso animando la nostra terra, raccontato con la musicalità del dialetto romagnolo. Le letture sono di e con Paolo Gagliardi, mentre gli interventi musicali alla fisarmonica sono di Gianfranco Ferri.

 

Sono più numerosi invece gli appuntamenti nella giornata di sabato 8 marzo: alle 11 sarà affidata alla toponomastica la memoria del valore delle donne che hanno combattuto per la Liberazione: sarà inaugurato infatti “largo Staffette Partigiane” (Lugo Est, traversa di via Fulco Ruffo di Calabria, accanto al Centro tennis Adriano Guerrini). Alle 16 invece, a Casa Rossini in via Giacomo Rocca 14, ci sarà la premiazione del primo concorso fotografico nazionale “Il tempo delle donne”, con inaugurazione della relativa mostra, a cura dell’associazione Artemide.

Si prosegue alle 21 nella sala del Carmine in corso Garibaldi 16 ci sarà lo spettacolo “Stra-ordinarie: voci e storie di donne”, un omaggio alle donne che moltiplicano la vita, alla loro bellezza luminosa e regale, al loro provvedere ad ogni cosa. Donne ordinarie fanno qualcosa di straordinario: sconfinando nel mondo artistico con straordinaria leggerezza rendono possibili dimensioni e osmosi altrimenti impensabili tra l'eterno femminino e l'intera umanità. Lo spettacolo è a cura dell’associazione Artemide, SPI Cgil, Uil Pensionati, Cisl Pensionati. La direzione artistica è di Valentina Contadini, con intermezzi musicali di Stefania Cattani, Loretta Contadini, Raffaello Bellavista, Joaquin Quinonero, Alberto Zaganelli e Gloria Ferretti. L’ingresso è di 12 euro, con prenotazione entro il 4 marzo chiamando il 340 0913269, oppure 339 7611282.

 

Sempre alle 21, al teatro Rossini inizierà il concerto di beneficenza “Chitarra, amore mio”, a sostegno delle attività assistenziali del Comitato Femminile della Croce Rossa di Lugo.

 

Un ultimo appuntamento inserito nel calendario per celebrare la Festa della donna sarà venerdì 14 marzo, alle 18 al salone Estense della Rocca di Lugo: sarà presentato “Uomini che odiano amano le donne”, il libro di Monica Lanfranco, giornalista e blogger che sarà presente all’evento. Monica Lanfranco dal suo blog sul Fatto Quotidiano ha lanciato sei domande chiedendo agli uomini di rispondere alla sua email. Per una volta, invece che parole di donne sulla sessualità e violenza, si è chiesto agli uomini di esporsi, di mettersi in relazione, di soffermarsi a pensare su loro stessi, il loro corpo, il loro desiderio, i lati oscuri del loro genere. Obiettivo di questa raccolta è (anche) quello di suscitare emozioni, oltre al dibattito, e dare voce a un’altra parte maschile, diversa rispetto a quella tragicamente presente nella cronaca nera o nella ordinaria violenza e ottusa rappresentazione televisiva dei maschi mediatici. Alla presentazione, oltre all’autrice, interverranno Nadia Somma, presidente del centro antiviolenza Demetra e Ombretta Toschi, assessore alle Pari opportunità del Comune di Lugo.

 

A Massa Lombarda il primo appuntamento sarà mercoledì 5 marzo alle 14.30 in piazza Marmirolo 1, con la Festa dell’UDI e dello Spazio Donna, con musica e merenda etnica per tutti i partecipanti.

 

Venerdì 7 marzo alle 17 al centro culturale “Carlo Venturini” ci sarà “Donne volanti – in attesa dell'8 marzo”, un flash mob a cura di Barbara Zanoni con le allieve, le amiche e le sconosciute, aperto a tutte le donne e gli uomini che desiderano celebrare la donna e l’essenza del femminile.

 

Si continua sabato 8 marzo in piazza Matteotti, in via Nilde Iotti e a Fruges: dalle 9 alle 12 in questi tre posti si terrà la Festa delle donne, con distribuzione della tradizionale mimosa e del mensile “ND – Noi Donne”, a cura dell’UDI di Massa Lombarda. Alle 15 al centro giovani Jyl la Consulta delle ragazze e dei ragazzi proietterà “Billy Elliot”, primo film della rassegna dedicata al tema delle differenze di genere ideata nell’ambito del progetto ConCittadini. Alle 21 nella Sala del Carmine, nell’ambito del Festival Crossroads 2014, ci sarà il concerto di Maria Pia De Vito e Ares Tavolazzi; il duo proporrà un repertorio tra la canzone d'autore statunitense e i grandi capolavori del jazz.

 

Inoltre, sempre l’8 marzo, giornata internazionale della Festa della donna, Auser consegnerà una mimosa a tutte le ospiti delle case protette di Massa Lombarda. Infine, come ormai da vari anni le amministratrici e le dipendenti del Comune di Massa Lombarda hanno scelto di sostenere, attraverso l’adozione a distanza, il percorso di crescita e di autonomia di una ragazza.

 

A Sant'Agata sul Santerno sabato 8 marzo, dalle 8.30 alle 13 sotto il loggiato di piazza Umberto I, lo SPI CGIL (Sindacato Pensionati) di organizza un banchetto per la distribuzione delle mimose.