Imola. Non era certamente un amante della botanica, anzi probabilmente lucrava denaro sulle piante che tagliava. I carabinieri, il 9 marzo verso le 14, hanno arrestato un 38enne rumeno, destinatario di un mandato di cattura europeo durante un posto di controllo alla circolazione stradale in via Selice. A emettere il provvedimento, due anni e sei mesi di reclusione, era stata l’Autorità Giudiziaria di Boto?ani (Romania) in seguito a un furto di una quarantina di alberi per un valore di circa 250 euro che il 38enne, incensurato in Italia, aveva commesso nella terra d’origine. In attesa dell’estradizione, i Carabinieri lo hanno portato nel carcere di Bologna.