Imola. La gestione associata dei servizi informativi dei 10 Comuni del territorio imolese (e del Nuovo Circondario in via Boccaccio) ha mosso i primi passi nel novembre 2012, per completare la fase di avvio nel corso del 2013, con lo scopo primario di gestire in maniera associata i servizi telematici e informatici. Il Sia (Servizio informatico associato) si è posto quali obiettivi da realizzare nel primo anno di vita il miglioramento e la razionalizzazione dell’attività amministrativa, oltre ad iniziare un piano per il potenziamento dell’offerta di servizi online ai cittadini.

Dal punto di vista dell’efficienza, nel 2013 sono stati realizzati diversi progetti di gestione unitaria di procedure amministrative, tra cui la gestione help desk, manutenzione, controllo remoto, teleassistenza e distribuzione di software per le postazioni di lavoro di tutti gli enti del Circondario. Le attività associate hanno consentito, inoltre, risparmi (quantificabili sul 15% delle spese sostenute in passato dai singoli enti) che sono stati reinvestiti per aggiornare le dotazioni hardware e software degli enti, realizzare un data center per le banche dati e le procedure utilizzate negli enti e implementare la sicurezza dei dati.

Al capitolo dei servizi di diretta fruizione da parte dei cittadini, si possono ricordare la possibilità di pagare online le sanzioni amministrative, quella di poter accedere a sportelli automatizzati per procedure urbanistiche e legate alle attività produttive, oltre ai servizi offerti dal sistema di accreditamento alla rete regionale Federa (ad esempio i Servizi Demografici online, che consentono di scaricare certificati e dichiarazioni direttamente da internet).

A questo proposito, un importante progetto, partito nel 2013 e a breve attivo, è Anacer, un sistema di interconnessione e condivisione dei dati anagrafici dei comuni regionali, con il coinvolgimento di enti pubblici e altri soggetti, quali forze dell’ordine e associazioni di categoria, che possono convenzionarsi col sistema regionale per accedere ai dati demografici. Oltre a questo, il Sia ha realizzato il portale circondariale pubblico della trasparenza e anticorruzione, in conformità alle leggi nazionali sull’obbligo di divulgazione di dati relativi alle attività istituzionali degli enti pubblici.

Matteo Montanari, assessore circondariale referente per il Sia, delinea i nuovi obiettivi 2014:”Sono previsti nuovi progetti di gestione unificata di servizi comunali, dalla posta elettronica alle procedure contrattuali e lo sviluppo dei servizi online al cittadino. In questi mesi le difficoltà non sono mancate, ma puntare sull'innovazione, specie in ambito informatico, è l'unico modo per stare davanti ai problemi, cercando l'efficienza e il risparmio come è avvenuto per il Sia”.

“Le gestioni associate rappresentano una vera e propria riforma della pubblica amministrazione, nella quale crediamo e che vogliamo implementare – aggiunge il presidente del Circondario Daniele Manca – L’attività del Sia e il potenziamento dei servizi dimostra che si possono ottenere risparmi sui costi di gestione non solo senza ridurre, ma in diversi casi aumentando la qualità e la quantità delle prestazioni a vantaggio dei cittadini del territorio”.