Imola. Una interessante iniziativa in questi giorni ad Imola, promossa da “Libera”, l’associazione fondata da don Ciotti: la mostra fotografica “Terre di Libertà, i volti e i luoghi del riscatto civile dalle mafie” un progetto realizzato da Libera, appunto, e dall'Associazione Terzo Tropico per valorizzare il lavoro e le attività delle cooperative di Libera Terra sui terreni confiscati alle mafie. Si tratta di un reportage che ha prodotto una mostra fotografica sul lavoro delle cooperative di Libera Terra, (“Placido Rizzotto” e “Pio La Torre” in Sicilia, Valle del Marro in Calabria e Terre di Puglia in Puglia, cooperative che hanno come finalità il riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alle organizzazioni criminali ai sensi della Legge 109/96).

La mostra, che si terrà nell'androne del Comune di Imola (tra Piazza Matteotti e via Mazzini), sarà inaugurata sabato 15 marzo alle ore 12 e resterà a Imola fino al 29 marzo.

La permanenza della mostra farà da cornice alle iniziative che si terranno per celebrare il 21 marzo, Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime di mafia, per questo nei sabati della mostra attivisti di “Libera” saranno presenti in Piazza Matteotti (sotto i portici in via Emilia) con un banchetto in cui sarà possibile aderire all’associazione per il 2014 e richiedere informazioni ed acquistare i prodotti provenienti dalle cooperative di Libera Terra oggetto della mostra. Edoardo Lambertucci, responsabile a livello territoriale, ci segnala che la mostra arriverà a Imola grazie alla collaborazione con l'Associazione Oltre la Siepe, una delle tante che collabora con “Libera” (ad Imola tra le altre contiamo Arci, Anpi, Cgil, Azione Cattolica).