Spett. redazione,
è disponibile sul sito del Comune di Imola la delibera della Giunta comunale che approva il calendario di pista dell'autodromo per il 2014. Da alcuni giorni sono anche noti e pubblicati dalla stampa i dati della rumorosità che l'autodromo ha prodotto, a volte in deroga a volte proprio in barba alla legge, durante il 2013.

Vale la pena leggere la delibera che approva il calendario 2014. In questo atto si ritrova menzione del carteggio intercorso fra il Comune e il Gestore, in questi termini: “il gestore ha accolto la richiesta che il numero di giornate ove si preveda, in ipotesi, lo svolgimento di attività in deroga ai limiti di immissione di cui sopra non deve coincidere con il calendario scolastico del Plesso Pelloni Tabanelli per un numero di giorni superiori a quelli del 2013 precisando che si è provveduto a ridurre il numero delle giornate concomitanti con l'attività a 17”.

A parte il fatto che 17 giornate equivalgono ad un mese di scuola e pertanto non sono affatto poche che cosa vuol dire in ipotesi? L'Amministrazione non è perfettamente a conoscenza che ben altre saranno le attività motoristiche che durante le giornate scolastiche sforeranno i limiti massimi di rumorosità? Non sono necessarie competenze in astrofisica o paranormali ma basta, come pure Renzi pare apprezzare, un semplice foglio elettronico. Con tale strumento, domestico anche ai bambini, è possibile scoprire che durante il 2013 le giornate durante le quali l'autodromo ha superato i limiti di legge alle scuole Pelloni Tabanelli sono state 36, mica 17. Più del doppio!

Cosa succederà nel 2014? In ipotesi, questa volta sì, la stessa identica cosa. Il Comune autorizzerà un numero di giornate compatibili (?) con la legge e, come avvenuto nel 2013, alla fine le giornate saranno molte di più. Questo non credo a vantaggio dei bambini che frequentano la, ormai ex, scuola all'aperto. Ora non mi rimane che mandare quel foglio di calcolo, qui allegat, al Comune con la speranza che le ipotesi si possano verificare, per tempo, sui dati storici.
Potremmo così evitare di dover dire nel marzo del 2015 (naturalmente il giorno dopo avere approvato il calendario di pista), come se ci fossimo appena destati: cavolo, avevamo sbagliato le ipotesi.
Perdonatemi ma qui, come altri hanno detto prima di me, nisciuno è fess.

(Paolo Ricci, Comitato Vivere Montebello)