Casalfiumanese. Gisella Rivola, candidata a sindaco del Pd per le elezioni amministrative del 25 maggio, sta preparando gli ultimi nomi della lista che la sosterrà alla luce delle novità introdotte dal Governo Renzi, ovvero un numero maggiore di consiglieri e assessori. Intanto è iniziata la fase di ascolto dei cittadini per adottare il programma. 

“Per questo motivo abbiamo previsto un indirizzo e-mail: insiemepercasalfiumanese@gmail.com – spiega la Rivola – dove i cittadini potranno inviare osservazioni personali, trovare un dialogo, inoltre abbiamo creato un profilo facebook https://www.facebook.com/insiemepercasalfiumanese che tutti potranno consultare.  Utilizzerò anche questo strumento per capire cosa pensate e quali proposte avete per il futuro di Casalfiumanese. Da dove iniziamo oggi con questa presentazione? Direi dal Comune che con la nostra Amministrazione ha dimostrato di avere un bilancio sano, un  bassissimo indebitamento pro-capite, (un piccolo esempio siamo partiti nel 2009 con 176,31 di indebitamento pro-capite ed oggi, contrariamente alla tendenza del Paese, ne abbiamo solamente 112,35) e sono stati rispettati dal 1.1.2013 i vincoli del patto di  stabilità. In questi ultimi anni abbiamo assistito ad un continuo taglio nei finanziamenti ed  una riduzione delle entrate e ulteriori vincoli ed adempimenti da assolvere, ma soprattutto a una confusione nella legislazione, a continui cambiamenti. Nonostante tutto abbiamo cercato di orientare il nostro lavoro al mantenimento degli impegni presi, alla tenuta della rete dei nostri servizi dalle scuole alle politiche per le famiglie e gli anziani alla tutela dell’ambiente, alla valorizzazione delle nostre tipicità, agli interventi sul patrimonio pubblico. Nel 2013 sono stati adottati Il Piano Strutturale Comunale ed il Regolamento urbanistico Edilizio per una futura pianificazione territoriale. Numerose opere pubbliche hanno trovato la realizzazione come ad esempio la nuova Palestra Comunale nel Capoluogo, la Nuova Delegazione a Sassoleone il consolidamento della scuola di San Martino in Pedriolo, ed ancora la nuova struttura dedicata a Don Pio Cavina per le Associazioni di Volontariato, e l’intervento di recupero delle cantine della Villa Manusardi dedicate ad ospitare l’Associazione Culturale Federica Negri”.