“Vorrei tranquillizzare chi svolazza sulle recenti questioni interne a una delle liste civiche che sostengono il nostro programma. State molto sereni: la maggioranza che formeremo dopo il voto del 25 maggio sarà molto più che affiatata, competente e molto operativa, per il bene esclusivo della nostra città”. Così Fausto Tinti interviene su Facebook dopo l'esplosione del “Caso Zaniboni” di cui abbiamo riportato nei giorni scorsi. Tinti, che ha sintetizzato il concetto anche dal suo profilo Twitter (Contwinti), si riferisce alle varie prese di posizione degli avversari che, approfittando della situazione, non esitano a mettere il dito nella piaga sottolineando quelli che, a loro dire, sarebbero preoccupanti scricchiolii nella coalizione di centrosinistra. 

Per il Pd, invece, la questione, esplosa in seno alla lista civica Castello Viva pare non costituire motivo di preoccupazione, come ci dicono dall'ufficio stampa: “Fausto Tinti è un professore universitario e padre di sei figlie, è una persona seria, stimata e credibile che sta prendendo un impegno con la città, dopo aver vinto le Primarie del nostro partito, aperte a tutti. La campagna del Pd prosegue serena, spinta dalle idee del programma di coalizione, che mette al centro la partecipazione dei cittadini per un vero cambio di passo verso il 2020”.

Sulla questione è intervenuta anche Francesca Marchetti, Segretaria del Pd castellano, rimarcando la condivisione di intenti con tutte le liste della nutrita coalizione: “Il Partito Democratico continua a condurre la sua campagna elettorale con la consueta passione e la consueta serietà, illustrando in tanti incontri le sue proposte, integrate e condivise da tutte le liste civiche che sostengono con convinzione il nostro candidato Fausto Tinti”.