Imola. Autodromo sempre più aperto ai ciclisti ed ai podisti, con il “triplo 20”. Il 20 maggio, 20 giugno e 20 luglio, dalle 9 alle 21 l'autodromo “Enzo e Dino Ferrari” sarà aperto oltre che ai ciclisti anche ai podisti, runner e camminatori. Naturalmente possono entrare anche i bambini se accompagnati dai genitori e sotto loro responsabilità. Ad annunciare le tre aperture straordinarie per tutta la giornata è l'assessore all'autodromo e allo sviluppo economico Mirco Cantelli, che spiega “con queste ulteriori tre giornate, continua la politica avviata dal Comune di aprire l'autodromo sempre più e sempre meglio alla città. A questo proposito, voglio ringraziare Formula Imola per lo spirito di collaborazione e l'entusiasmo verso la nuova iniziativa”.
A oggi, per il 20 maggio e il 20 giugno, il calendario prevedeva infatti solo l'apertura tradizionale dalle 18,45 alle 20, mentre domenica 20 luglio non era in calendario come apertura dell'impianto.
“Gli appuntamenti definiti insieme a Formula Imola sono solo l'antipasto della nuova politica dell'amministrazione, che presto presenterà un calendario vero e proprio dove con certezza, dalla fine di ottobre a inizio marzo 2015 verrà dedicata una giornata intera alla settimana appunto a ciclisti e podisti” aggiunge Cantelli. Le tre giornata saranno completamente gratuite e questa vorrebbe essere la scelta per tutte le successive, che verranno messe in calendario quanto prima, intensificate e possibilmente con cadenza regolare, anche settimanale.
Ma tutto dipenderà dal comportamento virtuoso degli sportivi. “Per questo invitiamo a comportamenti virtuosi e a guadagnarsi la fiducia, evitando cioè di lasciare in pista e a bordo pista rifiuti, carte di cibo e bottigliette o fazzoletti o altro. Perché in questo caso si dovrà provvedere a una pulizia straordinaria con annessi costi – fa sapere l'assessore all'autodromo, che aggiunge – l'idea poi potrebbe essere quella che, per la pulizia straordinaria, si ricorrere ai volontari e l'occasione è ghiotta per chiedere subito che a offrirsi siano tutti i soggetti che godono degli ammortizzatori sociali”.