Imola. Pesante attacco del capogruppo di Insieme si vince Andrea Zucchini nei confronti delle nuove nomine nel cda di Formula Imola. “Come mai, nonostante i cittadini imolesi abbiano speso, se sommiamo finanziamenti pubblici, statali, europei, tanti milioni di euro per il nostro autodromo e attraverso il Con.Ami ben 5 milioni di euro per passare da soci di minoranza (erano in quota Formula Imola al 20%) a soci di maggioranza (oggi oltre il 90%), non possono ancora decidere il loro Presidente di Formula Imola?
Perchè tale scelta strategica deve ancora una volta ricadere su un uomo (Uberto Selvatico Estense) che non rappresenta gli interessi dei cittadini imolesi ma rappresenta gli interessi di quella minoranza che oggi vale meno del 7%?”
Inoltre, Zucchini si sofferma sulla figura di Maurizio Chiarini, 63enne ferrarese, che a suo avviso sarebbe “un pensionato d'oro. Il sindaco Daniele Manca ha ben deciso, non bastando la pensione d'oro da ex amministratore delegato di Hera, di integrargliela con l'aiuto dei cittadini imolesi”.