Imola. Sabato 17 maggio in occasione della notte dei musei si apriranno gratuitamente le porte di musei e aree archeologiche in oltre trenta Paesi europei. “Anche Imola aderisce a questo importante evento che una volta all'anno unisce il prezioso e vasto patrimonio culturale conservato in tante città dando vita ad una straordinaria festa dei musei con due appuntamenti speciali, per regalare una notte magica, al Museo di San Domenico e la Rocca sforzesca”, spiega l'assessore alla Cultura, Elisabetta Marchetti.

Ricercata mente… musicisti, artisti e scienziati con la voglia infinita di esplorare è il titolo dell'appuntamento al Museo di San Domenico dove si è invitati a farsi coinvolgere in un'inedita visita serale alle collezioni del Museo. La ricerca nell'ambito musicale, artistico e scientifico sarà il filo rosso del percorso che guarda al museo, alle sue opere, ai suoi reperti, ai suoi protagonisti con uno sguardo diverso, accompagnati da“guide” straordinarie. In questo viaggio s'incontrerà l'artista e curatrice Annalisa Cattani e la casa e centro residenza per l'arte contemporanea “Novella Guerra” da lei fondato ad Imola e in cui porta avanti una ricerca artistica incentrata sul concetto di resistenza culturale. Sarà quindi proposta un'incursione performativa nel museo, grazie alla giovanissima performer e studentessa all'Accademia di Belle Arti di Bologna, Giada Trancuccio.
Protagonista straordinario della serata, occasione unica per Imola grazie alla nuova collaborazione tra i Musei e Combo Jazz Club – Jazz Network, saranno l'artista sardo Paolo Angeli e la sua ricerca musicale. Nelle sale del Museo darà vita ad un concerto e ad uno spettacolo di musica e immagini, un incontro speciale con il pubblico per suonare e raccontare la sua “chitarra sarda preparata”. Con questo singolare strumento orchestra realizzato dall'artigiano sardo Francesco Concas, Angeli, da attento cultore dell'incontro tra avanguardia extra-colta e tradizione popolare, rielabora, improvvisa e compone una musica inclassificabile, sospesa tra avant jazz, folk noise, pop minimale, che è diventato il suo terreno di ricerca e l'ha portato ad ottenere attenzione e successo a livello internazionale e ad esibirsi nei festival e nei teatri di una buona parte del mondo.
Prima visita-concerto ore 20.30; seconda visita-concerto ore 22.30. L'ingresso è gratuito e non è necessaria la prenotazione

La Notte dei Musei spalanca le porte anche della Rocca sforzesca che apre straordinariamente dalle 20.30 alle 24 e oltre ad offrire una passeggiata notturna nelle sue sale e sugli spalti, invita tutte le famiglie con bambini a iscriversi, telefonando ai Musei civici (0542-602609), ad un Assalto notturno alla Rocca: un gioco per far rivivere avventure, emozioni, strategie di assedio e tecniche di sopravvivenza ed arrivare con il favore delle tenebre ad espugnare una delle Rocche più invincibili della Romagna. Entrata gratuita alla Rocca Sforzesca, dalle 20.30 alle 24.