Imola. Non solo teatro, ma anche musica, quadri e poesie. Dal 26 maggio al 2 giugno prossimi si svolgerà la V edizione del Festival “DDT – Diversi Dirompenti Teatri / Diversi Teatri della Diversità”. DDT si caratterizza per la prevalenza della parte performativa, di elaborazione e di creazione in loco, rispetto alle proposte di fruizione, agli spettacoli ospiti. DDT è luogo di incontro e scambio non soltanto tra teatranti (e non soltanto tra teatranti del territorio), ma tra le arti. Sensibile alle idee di Cambiamento, DDT promuove nuove visioni e un nuovo immaginario. Gli ingressi agli spettacoli e la partecipazione ai laboratori sono gratuiti.

Come sottolinea l'assessore alla Cultura, Elisabetta Marchetti, “il Festival è un appuntamento importante perché mette al centro l'esperienza del teatro civile, di cui è ricco il nostro territorio, grazie anche alle esperienze maturate con il superamento degli ospedali pschiatrici. Il Festival presenta proposte teatrali differenti ed è un luogo di sperimentazione e di produzione, capace di costruire relazioni fra le persone”.

“DDT è la principale iniziativa dell'associazione ExtraVagantis – sottolinea da parte sua Marina Mazzolani, direttore artistico del Festival -. Abbiamo rinunciato per motivi di costo ad avere spettacoli esterni, prodotti da fuori, ma questo è stato uno stimolo a ampliare e qualificare le iniziative prodotte nel territorio e create all'interno del Festivla stesso, coinvolgendo anche molte scuole del territorio (come lo Scarabelli-Ghini i cui studenti metteranno in scena uno spettacolo per gli altri studenti), quindi facendo sì che il Festivla diventi sempre più un progetto del territorio”. Per Marina Mazzolani “si tratta di un cartellone di idee che potrebbero essere ampliate in futuro e in grado di creare relazioni proficue con altri servizi del Comune e di altri enti”.
“Da sottolineare – come ha richiamato Pina Piccolo, componetne del “100Thousand Poets for Change – Bologna” – sia il laboratorio del 26 maggio dal titolo “Diario poetico della giornata e attivismo” con la presenza dei poeti americani Michael Rothenger, Terri Carrion sia la giornata del 2 giugno, dal titolo “Dialoghi col genius loci”.