Imola. Non c'è il nome di grande richiamo visto il periodo di ristrettezze economiche, ma tanta buona musica di generi diversi tale da interessare anche visitatori da fuori regione che vogliono vivere una settimana di note in ogni angolo di strade e piazze che avranno il loro fulcro dal 6 all'8 giugno con le anteprime che cominceranno dal 31 maggio per un totale di 75 concerti e 112 eventi che caratterizzeranno la 19esima edizione di Imola in musica.

Piazza Matteotti ospiterà il 5 giugno la cantautrice statunitense Elisabebeth Cutler, il 6 giugno il cabarettista con chitarra al collo Sergio Sgrilli accompagnato dalla “Imola big band”, poi il 7 tutti a ballare con l'incontenibile Paolo Belli & Big Band e domenica 8 giugno una novità con gli Achtung Babies che riserveranno un tributo agli U2. Ci sarà un tributo pure a una famosa band bolognese, che ha perso il suo leader Freak Antoni deceduto pochi mesi fa, il 6 giugno alle 21 ai Circoli che per l'occasione aprono il proprio cortile alla città. Da non dimenticare un omaggio a un altro grande cantautore milanese, Enzo Jannaci, al parco verziere delle monache giovedì 5 giugno alle 21 con “Te Luna!”. Fra le novità più interessanti l'utilizzo di location inattese quali la cattedrale San Cassiano che ospiterà settanta coristi e musicisti che proporranno musica sacra su testi di Bach e Mozart e l'iniziativa “Pianoforte amico” a palazzo Ginnasi che, oltre a spiegare come si costruisce uno strumento così delicato, darà la possibilità a chi sa suonarlo di avere il suo quarto d'ora di celebrità. Sempre domenica 8 giugno, in piazza Medaglie d'oro alle 21.30, ci sarà la possibilità di ascoltare una nuova leva cantautorale con Diodato, Zebba, The Niro, Filippo Graziani e l'imolese Andrea Grossi in versione Clotinsky.

La manifestazione non si fermerà solamente ai palchi nelle piazze principali del centro storico, ma una parte sempre molto interessante la faranno la musica di strada, le mostre, le visite, le danze e le presentazioni di libri. Insomma, Imola si vestirà a festa con la partecipazione della Banda, dell'Accademia “Incontri col maestro”, della scuola di musica Vassura-Baroncini, di diverse associazioni ed esercenti privati che proporranno gruppi musicali per rendere più ricco il programma.

Tutte le iniziative si possono trovare sul sito www.imolainmusica.it.

(Massimo Mongardi)