Castel San Pietro (BO). In attesa del gran finale di campagna elettorale, previsto per venerdì 23 in piazza XX Settembre (con tutte le liste che sostengono la candidatura a sindaco di Fausto Tinti) il Partito Democratico ha organizzato la chiusura della sua campagna a Osteria Grande, giovedì 22 maggio, a partire dalle ore 19. Al centro civico, in viale Broccoli 41, assieme a Fausto Tinti e al Segratrio comunale Francesca Marchetti, capolista del Pd alle Comunali, ci saranno il deputato Gianni Cuperlo, che attualmente ricopre un ruolo all'interno della Commissione Affari Costituzionali della Camera, e Salvatore Caronna, candidato del Pd al Parlamento europeo.

L'occasione di incontro è ghiotta: oltre alle Amministrative, infatti, il 25 maggio si voterà anche per rinnovare il potere legislativo dell'Unione Europea.  Una macchina complessa, quella che muove l'Europa, che è però anche risorsa per le realtà locali. “Per noi il tema dell'Europa è estremamente importante – dice Fausto Tinti, candidato sindaco del centrosinistra -. A dimostrazione di questo abbiamo deciso, nella fase di creazione del programma condiviso dal Partito Democratico con le liste che mi sostengono, di inserire spesso il riferimento all'Unione Europea”.

Basta dare un'occhiata al programma di Castello 2020, pubblicato anche sul sito www.faustotinti.it, per notare che gli hashtag sul tema dell'Europa sono numerosi: “Cercheremo – prosegue Tinti -, ad esempio, di rendere più semplice l'accesso da parte degli agricoltori alle risorse del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale. Una delle cose più importanti sarà promuovere la conoscenza dei vari piani e delle forme di finanziamento agevolato nei confronti degli agricoltori under 40, che sono una forza in grande sviluppo e crescita. Altra opportunità fondamentale, dataci dall'appartenenza all'Europa, sono i progetti di scambio fra giovani europei anche nel nostro comune. Ci impegneremo a promuovere nuove esperienze dei nostri giovani all'estero per ottenere un'apertura maggiore della nostra comunità all'Europa valorizzando, allo stesso tempo, la nostra città e favorendo relazioni e legami che possano generare opportunità lavorative e di sviluppo dell'economia castellana”.