Imola. Monitorare di più e meglio il rumore che c'è in autodromo. Lo scopo, entro la fine del 2014 di un protocollo firmato da Comune, Formula Imola, Con.Ami, Ausl e Arpa, come ha spiegato l'assessore all'Ambiente Davide Tronconi, “è quello di rendere compatibile quello che vuole rimanere un autodromo (dunque produttore di rumore, ndr) nel rapporto con la città e in particolare con le strutture più vicine ad esso”.

Il passo più deciso, messo in campo al fotofinish delle elezioni europee, è l'aumento dei fonometri da tre a sette (il costo sarà di 80mila euro circa) che saranno collocati in tal modo: uno fisso allla scuola Pelloni-Tabanelli nella classe più esposta al rumore, uno nelle scuole medie Valsalva, una postazione “zero” sul rettilineo d'arrivo che verificherà pure le condizioni meteo e vedrà se ci saranno sforamenti delle auto in pista con possibilità di fermarle in tempo reale, e altri quattro nelle vie Lastre, Tenni, Luzzo e Rivazza. I dati, appena saranno forniti dall'Arpa e dall'Ausl (“quindi non possono essere alterati o considerati sbagliati”, sottolinea Tronconi tentando di chiudere le polemiche dei mesi scorsi con le opposizioni in consiglio comunale e con una parte dei genitori delle Pelloni-Tabanelli), verranno inseriti on-line sul sito del Comune.

Oltre a ciò, andranno avanti azioni di mitigazione passiva come l'inserimento di barriere antirumore e piante in zone idonee (non meglio specificate, ndr), e di mitigazione attiva con un codice di autoregolamentazione di Formula Imola che prevede ad esempio pause di 90 minuti e non di soli sessanta dalle 13 alle 15 quando ci saranno gare sul circuito e una serie di altre azioni fra le quali l'assicurazione che le giornate in deroga saranno al massimo sessanta.

Per ora si tratta solamente di una serie di buoni intenti, ma ci si affida sempre alla buona condotta dei firmatari del protocollo. Il passaggio più significativo sara la condivisione o meno di tali azioni con i cittadini maggiormente sensibili al tema di un rumore a tratti insopportabile: quelli coinvolti nelle scuole, i residenti della zona e i comitati nati negli ultimi anni. “Li incontreremo il più presto possibile – ha detto l'assessore all'autodromo Mirco Cantelli – e vedremo di riuscire a costituire un Rab come per la centrale di cogenerazione”.

(Massimo Mongardi)