Imola. Troppa fretta e un po' di confusione. L'amministrazione comunale torna a vacillare su cosa fare dell'area verde di via Kolbe. Prima manda un comunicato stampa dove si parla di orti, spazi sportivi, ecc. e relativi servizi, nell'ambito comunque di finalità pubbliche nell'area verde di via Kolbe, poi ne manda un altro per precisare che il tutto sarà discusso con il Forum Cappuccini e intanto di ascolto e partecipazione vera se n'è vista poca.

Ecco la seconda versione: “La giunta comunale ha approvato la delibera con cui si controdeducono le osservazioni giunte durante la fase di pubblicazione e si approva la variante per le aree di via Kolbe, via Zara e via Montericco. Tale variante era stata adottata a seguito della delibera di consiglio comunale n. 139 del 16 ottobre 2013 (“Aggiornamento con modificazioni e integrazioni del piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari di cui all'art. 58 del d.l. 112/2008 e contestuale variazione al bilancio di previsione 2013 e al bilancio pluriennale 2013/2015” con effetti di variante urbanistica alle “Aree di proprietà comunale site in Via Zara, Via Don Kolbe e Via Montericco”).
La delibera appena approvata dalla giunta verrà illustrata nel corso della Commissione urbanistica il 18 giugno prossimo, prima dell'esame del Consiglio comunale, il 25 giugno prossimo.

Via Kolbe – Per quanto riguarda via Kolbe, l'amministrazione comunale ha deciso di accogliere le osservazioni presentate dai cittadini, rinunciando a rendere edificabile l'area, che nelle prossime settimane ritornerà nella disponibilità del Comune. L'idea dell'Amministrazione comunale è quella di mantenere l'area verde di via Kolbe, con finalità pubbliche. “Entro fine giugno incontrerò il Forum Cappuccini, che pur dimissionario, ha concordato un incontro per continuare a ragionare sul mantenimento dell'area verde in via Kolbe, finalizzandola ad un uso pubblico ancora da definire con il Forum attraverso bandi che si rivolgeranno ad associazioni di cittadini” spiega l'assessore alla Pianificazione territoriale ed urbanistica, Davide Tronconi (seconda versione, ndr).

Via Zara – Per quanto riguarda via Zara, è stata confermata la scelta adottata, cioè la possibilità di edificare su un'area di circa 3.500 mq edifici residenziali per un valore complessivo di 900 mq di SU (superficie utile), a completamento dell'insediamento tra Via D'Agostino, Via Salvo D'Acquisto e Via Zara, ma mantenendo la tutela per i campi sportivi esistenti, per l'area verde al fianco dei campi sportivi e introducendo lungo il lato nord una fascia a verde di rispetto, larga 2,5, dalle abitazioni che hanno il giardino che si affaccia sul lotto edificabile, come richiesto dai residenti confinanti.

Via Montericco – Infine per via Montericco è stata modificata la scheda adottata (che prevede la possibilità di edificare su un'area di circa 19mila mq edifici residenziali per un valore complessivo di 4.000 mq di Superficie utile) prevedendo una quota di edilizia residenziale sociale (ERS) pari al 25% (il minimo di legge è il 20%; in precedenza era prevista al 50%) e aumentando la percentuale di superficie destinabile ad attività commerciali fino al 62,5% della Superficie utile (prima non era prevista l'attività commerciale), fermo restando il totale ammesso di superficie utile (come detto pari a mq 4000). Preme rilevare che l'area era già stata destinata ad area edificabile dal PSC (Piano Strutturale Comunale) adottato con deliberazione consiliare n. 41 del 27 marzo 2013 e che la presente variante è un'anticipazione volta a valorizzare aree comunali; la progettazione dell'area è subordinata a piano particolareggiato che dovrà essere approvato dalla giunta.