Imola. La Cesi naviga in pessime acque. Il 17 giugno si terrà il tavolo territoriale nell'azienda alla presenza del presidente Marco Lama e dei sindacati di categoria del settore delle costruzioni, fra i quali la Fillea-Cgil di Imola. La segretaria Sonia Bracone è consapevole “delle grandi e gravi difficoltà nelle quali versa l'azienda, anche di liquidità nel giro delle prossime settimane. Tuttavia il nostro compito principale sarà quello di salvare il salvabile e di evitare il licenziamento di 200 lavoratori su 405, circa la metà, già a partire dal prossimo anno. Vogliamo mettere in campo tutti gli ammortizzatori sociali possibili, a partire da quelli già in atto (contratti di solidarietà al 60% per gli impiegati e cassa integrazione per le lavorazioni nei cantieri) sia per dare un salvagente all'impresa sia per salvaguardare l'occupazione dei dipendenti. Sappiamo che la situazione è critica e instabile ma abbiamo il dovere di provarci con tutti i mezzi possibili”. Nei prossimi giorni, dovrebbe riunirsi il tavolo istituzionale in Regione presieduto da Vasco Errani.

(m.m.)