Imola. L'ora della verità sta per venire anche per un'altra importante coop del territorio imolese: la 3Elle che il 30 luglio terrà l'assemblea dei soci (149 su 262 dipendenti) che dovrebbero approvare il bilancio 2013. Le aspettative non si annunciano per nulla buone perché la 3Elle, realizzando in legno porte, finestre, infissi e altro ancora, è strettamente collegata al mondo dell'edilizia in piena crisi come già visto dal fallimento della Cesi. La conferma arriva dal presidente Tiziano Borghi: “E' vero, siamo indissolubilmente legati al mondo dell'edilizia e subiamo i medesimi problemi, ovvero pagamenti in ritardo, insoluti e tutta una catena di questioni piuttosto gravi. Penso che l'Italia in buona parte sia legata all'edilizia dove al momento non vedo spiragli di ripresa anche se spero di sbagliarmi. Ne parlerò ai soci e vedremo cosa fare”.

La 3Elle è in una situazione di contratti di solidarietà per tutti i lavoratori, ma le cose potrebbero peggiorare nel giro di qualche mese. Qualcuno accenna anche alla possibilità di legarla a un gruppo di coop in difficoltà, come la Cesi, che facendo massa critica riescano a resistere. Le speranze, comunque, sono poche e nei prossimi giorni potrebbe traballare pesantemente un altro colosso della cooperazione imolese.

(m.m.)