Imola. Le scuole Cappuccini a fare da apripista lunedì 6 ottobre, a seguire il 13 le altre scuole primarie di Imola: è così ripartito il Pedibus, il progetto che prevede il percorso casa – scuola a piedi con l’accompagnamento dei genitori.

In specifico, sono coinvolte le scuole Primaria Pulicari, con oltre 40 bambini iscritti su due linee attive, che ha visto la presenza anche dell’assessore alla Mobilità, Davide Tronconi, in rappresentanza del Comune; la Primaria Rodari, con oltre 40 bambini iscritti su 2 linee attive; la Primaria Sante Zennaro, con oltre 50 bambini iscritti su tre linee attive di cui una nuova dalla zona Montericco; la Primaria Cappuccini, con oltre 50 iscritti su tre linee attive; la Primaria Rubri, con oltre 50 iscritti su due linee attive; infine la Primaria Pedagna, con oltre 60 bambini iscritti su due linee attive.

 

Al momento, nel complesso le iscrizioni si attestano a 300 unità; un dato più preciso si potrà avere a fine novembre, quando le iscrizioni si saranno stabilizzate. Inoltre, sono circa 100 i genitori che si alternano sulle varie linee per accompagnare i bambini a scuola tutte le mattine. A tutti i nuovi iscritti è stato fornito il gilet ad alta visibilità con il logo del Pedibus “A piedi e in bici – Città di Imola”.

“Il progetto del Pedibus rappresenta ormai un patrimonio della nostra città. Si tratta di un progetto di comunità che ha una forte valenza civica, sociale e ambientale con ricadute positive anche per la salute e la crescita dei bambini e dei ragazzi. Con questo progetto i nostri figli hanno la possibilità di crescere con la consapevolezza che dentro la nostra città è possibile muoversi e spostarsi anche senza l'auto e questa cultura della mobilità sostenibile può correggere anche le abitudini degli adulti” sottolineano Roberto Visani, vice sindaco ed assessore alla Scuola e Davide Tronconi, assessore alla Mobilità.

 

Alcuni di questi Pedibus “viaggiano” su nuovi collegamenti ciclopedonali che sono stati portati a termine nelle scorse settimane e che rientrano nel “Progetto integrato ciclabilità urbana della città di Imola”, per un investimento complessivo di circa 360 mila euro a carico del Comune. In specifico si tratta del collegamento ciclopedonale tra la Via Zappi e la Via Graziadei, nella zona Colombarina; della nuova pista ciclopedonale “Fossatone”, tra la Via Resistenza e le scuole Pulicari, in Via Curiel, nel quartiere Campanella e del collegamento ciclopedonale in sede propria, tra la zona residenziale Montericco e l'area verde del PEEP Pedagna, che permette la connessione dei percorsi ciclabili del quartiere Pedagna con le piste ciclabili della zona Montericco senza soluzioni di continuità con le piste ciclabili di circonvallazione e verso il centro di Imola.

Infine, mercoledì mattina personale appositamente incaricato inizierà i rilievi sull'effettivo utilizzo e sul gradimento delle suddette opere. Una volta elaborati, i dati raccolti saranno resi pubblici.