Imola. La giunta ha approvato uno schema di accordo con la Cooperativa Ceramica d’Imola, mirato a riqualificare l’area adiacente alla stazione ferroviaria. L’accordo prevede la cessione al Comune da parte dell’azienda dell’area “ex scalo merci”, a fronte della variante urbanistica che consentirà alla Cooperativa Ceramica la trasformazione urbanistica di una parte di propri edifici che oggi si affacciano sulla ferrovia e che sono attualmente dismessi o in fase di dismissione. Queste trasformazioni sono contenute nella proposta di accordo inerente la realizzazione del comparto “Ambito R3: Marconi – Aspromonte, presentata dalla Cooperativa Ceramica nel maggio del 2012 al Comune.

Area “ex scalo merci” – Questa area, con accesso da via Senarina e adiacente alla stazione ferroviaria, si estende per mq. 6.301 con sovrastante tettoia e locali annessi, e risulta di rilevante interesse per il Comune per realizzarci un parcheggio pubblico adiacente alla stazione ferroviaria e il rimessaggio delle biciclette. Questo consentirà anche di riqualificare piazzale Marabini, oggi utilizzato come parcheggio non custodito di biciclette. Proprio con l’acquisizione da parte del Comune dell’area “ex scalo merci” e la sua riqualificazione, le biciclette verrebbero poste in una zona fisicamente delimitata ed attrezzata e quindi in maggior sicurezza. La Cooperativa Ceramica cederà al Comune l’area “ex scalo merci” nell’arco dei prossimi mesi (lo schema di accordo prevedere che sia ceduta entro tre mesi dalla stipula dell’accordo).

Realizzazione comparto “Ambito R3: Marconi – Aspromonte” – La realizzazione del comparto “Ambito R3: verrà suddivisa in due sub comparti. Come obiettivo finale, nel primo sub comparto la Cooperativa Ceramica continuerà a svolgere la propria attività, ma anziché di tipo “produttivo”, attuerà funzioni legate all’attività direzionale e commerciale del proprio marchio e cambi d’uso comunque correlati con la propria attività. Per quanto riguarda il secondo sub comparto, la Cooperativa Ceramica propone una trasformazione urbanistica su una superficie utile massima di 16mila mq al fine di promuovere un mix di attività e funzioni, non correlate alla propria attività, quali commercio, pubblici esercizi, attività ricreative e per il tempo libero, uffici, ecc. con possibilità di costruire nuovi edifici con altezza massima fino a 20 metri oltre a parcheggi pertinenziali anche interrati.

“Tra gli obiettivi programmatici dell’Amministrazione Comunale c’è da tempo quello di riqualificare la porzione di territorio ricompreso tra la sede della Cooperativa Ceramica in via Di Vittorio a ovest, la parte nord di viale Marconi, fino al piazzale Marabini della stazione ferroviaria per incrementare le dotazioni pubbliche, razionalizzare i servizi pubblici e riqualificare il tessuto urbano – spiega l'assessore all'Urbanistica Davide Tronconi -. L’ accordo con la Cooperativa Ceramica consente di conseguire questo obiettivo, che è sicuramente di rilevante interesse pubblico. Per questo siamo molto soddisfatti per averlo raggiunto”.