Imola. Il cibo è il carburante del corpo e l’alimentazione può prevenire o creare terreno fertile per malattie anche gravi. Così la Consulta delle libere professioni della Fondazione Cassa di risparmio di Imola ha deciso di organizzare un convegno dal titolo “Il nostro cibo e la sicurezza alimentare tra illusione e realtà” che si svolgerà a palazzo Sersanti il 13 novembre a partire dalle 16.

“Chiederemo – spiega il presidente della Consulta Paolo Palladini – ai relatori chiamati se i nostri cibi sono ancora genuini, se il mercato garantisce la sicurezza alimentare, se la diffusione degli integratori alimentari sia una risorsa o un pericolo e se i nostri prodotti tipici siano ancora tali o le contraffazioni abbiano cambiato le carte in tavola e tante altre domande. Tutto ciò rientra nella decisione presa da qualche anno di parlare di argomenti di stretta attualità che interessano sempre di più una vasta platea”.

La vicepresidente della Consulta Silvia Villa ha illustrato gli argomenti sui quali si soffermeranno in particolare i relatori: Gabriele Cristofori e Fabio Gardenghi come periti agrari affronteranno i temi della qualità e della tipicità dei prodotti dell’Emilia-Romagna con attenzione a doc, dop e altre sigle di origine controllata, il dottor Arrigo Cicero parlerà di Nutraceutica, ovvero della scienza unita alla nutrizione e di come determinati cibi possano rallentare l’invecchiamento e malattie croniche. Infine Morena Plazzi sostituto procuratore di Bologna e Gabriele Bordoni avvocato penalista del foro di Roma si occuperanno della repressione di truffe e sofisticazioni alimentari sempre più all’ordine del giorno come quelle sull’olio di oliva, sulla tutela del parmigiano, del pomodoro e della patata Serenella.

(m.m.)