Imola. A 30 sezioni, metà dello scrutinio finale del Comune di Imola per le elezioni regionali del 23 novembre, si conferma in testa Stefano Bonaccini al 48% ormai sicuro presidente dell'Emilia Romagna seguito dal candidato del centrodestra, il leghista Alan Fabbri al 26%, da Giulia Gibertoni del Movimento 5 stelle con il 17,35%, da Alessandro Rondoni di Nuovo centrodestra e Udc con il 3,77%, Cristina Quintavalla al 3,82% e Mauro Mazzanti allo 0.97%. Fra i partiti il Pd è in testa con il 44,66% in leggera crescita rispetto alle prime sezioni ma pur sempre molto lontano dal grande risultato delle elezioni europee di solo sei mesi fa (era oltre il 58%) mentre al secondo posto fa un grande balzo in avanti la Lega Nord al 18,2% (era al 3,4%) ma il Movimento 5 stelle pare pronto a ingaggiare una battaglia per la seconda piazza al 17,24% (18,8%). Male Forza Italia al 6,6% (9%).

Se la cava benino Sel al 2,64% che però cede qualcosa all’altra sinistra di L’Altra Emilia Romagna al 3,55%. Queste ultime due forze, che alle europee erano unite ne “L’Altra Europa con Tsipras” (4,18% a maggio) avanzano complessivamente, pur stavolta in schieramenti diversi, forse trascinate dalle lotte e dagli scioperi della Fiom e della Cgil togliendo qualche consenso al Pd.

(Massimo Mongardi)