Decine di persone in corsa per la forma fisica, per definire la propria immagine. Gli uomini e le donne di quest'opera di Elfriede Jelinek sono pezzi di un discorso sulla vita, sulla finitezza , sulla corporeità ma allo stesso tempo un pensiero inquieto sul senso primo del vivere. NOI, MASSE, la piéce teatrale messa in scena dai Teatri di Vita ad ottobre all'Arena del Sole nelle prime settimane di Focus Jelinek, il festival dedicato alla drammaturga austriaca, torna in replica a Bologna dal 17 al 22 Febbraio ai Teatri di Vita. Lo sport per parlare della vita . Forse proprio per questo lo sport è tale: mette in movimento un corpo per separarlo, grazie alla fatica, quanto più possibile dai pensieri. Un altro testo pungente che inevitabilmente fa pensare, a dispetto del movimento fisico e traccia uno spaccato della contemporaneità, uno dei tanti uscito dall'arguta penna della scrittrice premio nobel per la letteratura. Vale davvero la pena scoprirne almeno uno e le occasioni ancora per alcune settimane non mancheranno. 

 Gli altri appuntamenti

Il progetto partito ad ottobre e ospitato nei teatri di diverse città della regione, ha rovistato nell'opera della Jelinek indagandone la scrittura, il linguaggio particolarmente efficace e sferzante ricco di giochi di parole mai pretestuosi che come by pass segnano il fluire dell'eloquio strappando amari sorrisi. Fino a marzo , quando si concluderà con “La regina degli Elfi” il 14 a Bologna presso l'Oratorio S. Filippo Neri e il 15 a Montescudo (RN) propone ancora appuntamenti. Oltre a quello ai Teatri di Vita, il 20 febbraio al Teatro Biagi D'Antona di Castelmaggiore alle 21,15 sarà possibile rivedere “Un volto senza armi” a cura di Ateliersi seguito dalla proiezione del film “La pianista” tratto dall'omonimo romanzo. Un testo dedicato al volto di Isabelle Huppert, un saggio sul lavoro  dell'attore . Il 21 febbraio alle 15,30, 16,50, 18,10 presso la Biblioteca dell'Archiginnasio, favole del potere, Elfriede Jelinek nelle biblioteche, “Nuvole. Casa.” con Chiara Guidi e alle ore 21 presso il Laboratorio delle Arti “In disparte” lettura di Chiara Guidi che, al termine, incontrerà il pubblico. Il 6 marzo per le scuole al Teatro ITC di San Lazzaro, Angela Malfitano con “Lui non come lui” e Nicola Bonazzi con “Totenauberg”. Il 7 marzo alle 21 presso il Goethe Zentrum di Bologna  “Wintwrreise viaggio d' inverno fra Elfriede Jelinek e Franz Schubert con Roberta Cortese (voce narrante ) , Emanuela Marcante (pianoforte)e Daniele Tonini (voce).

Per dettagli e informazioni www.festivalfocusjelinek.it

(V.G.)