Imola. Il comitato “Salviamo la Costituzione” i cui aderenti attuali sono il Partito Comunista d'Italia, il Partito della Rifondazione Comunista, l'Associazione Futuro a Sinistra – Sinistra Italiana e Sinistra Anticapitalista, inizierà la raccolta firme sul referendum abrogativo della legge elettorale “Italicum” sabato 16 aprile con un banchetto nel centro storico di Imola (via Emilia n. 163) dalle 9.30 alle 12. Inoltre a breve, visto che ieri sera è stata definitivamente approvata la legge di riforma costituzionale si adopererà anche per la raccolta firme per il NO alle modifiche costituzionali.

“Intendiamo contrastare il disegno del presidente del Consiglio Matteo Renzi che è quello di governare da solo grazie ad una legge elettorale che permetterebbe a chi raccoglie anche meno di un terzo di voti di avere un premio di maggioranza spropositato – scrivono quelli del comitato per il No all'Italicom -. Si potrebbero modificare le regole sui diritti fondamentali di libertà, sull'indipendenza della magistratura, sulle regole dell'informazione, sulla dichiarazione di guerra, sulle prerogative del ceto politico, su chi elegge il Presidente della Repubblica, sui posti della Corte Costituzionale e del Consiglio Superiore della Magistratura, per riscrivere le leggi elettorali e promuovere ulteriori revisioni costituzionali per prolungare senza limiti il proprio potere. Citiamo solo il primo capoverso di un documento firmato da sei dei più autorevoli costituzionalisti italiani, Gaetano Azzariti, Lorenza Carlassare, Gianni Ferrara, Alessandro Pace, Stefano Rodotà, Massimo Villone : 'La proposta di legge costituzionale che il Senato ha votato dissolve l'identità della Repubblica nata dalla Resistenza'”.

Il comitato imolese, che si riunirà prossimamente, è aperto ad altre forze, associazioni, sindacati e singoli. Per contatti: e-mail: salviamolacostituzioneimola@gmail.com