Caro direttore,
negli ultimi anni, si è molto parlato di accoglienza, di integrazione e di aiuto ai profughi. Io sono Cattolico di base, ma ho un ho rapporto “personale” con Dio perciò – per non essere frainteso – in questa lettera, citerò solo ciò che recita il Corano.

Sta scritto sul Corano: “Messaggero di Dio! Sono un uomo ricco e voglio lasciare tutti i miei beni alla causa dei poveri”…. Il Profeta gli rispose: “No, è meglio che tu lasci ai tuoi parenti prossimi di che vivere indipendenti, piuttosto che lasciarli mendicare”, e gli accordò di lasciare solo un terzo dei suoi averi per i poveri, dicendo: “anche un terzo è molto!”.

Il Profeta incontrò un giorno uno dei suoi compagni dall'aspetto dimesso e pietoso. Alla sua richiesta di spiegazioni, rispose: “Messaggero di Dio! Ho quanto serve, ma preferisco darlo ai poveri, piuttosto che usarlo per la mia persona”… Il Profeta rispose: “No, Dio ama vedere sul suo servo i segni di ciò che gli ha concesso”.

Queste due norme – estratte dal Corano – dovrebbero far riflettere le persone che discriminano fra gli stessi bisognosi basandosi su errate interpretazioni del concetto di solidarietà.

Ma voglio andare ben oltre questo e citare un altro verso: “… E ti chiedono: 'Cosa dobbiamo dare in elemosina?' Dì: 'Il sovrappiù'. Così Dio vi espone i Suoi segni, affinché meditiate”. (Corano, 2:219).
Ci sono Nazioni musulmane ricchissime: Dubai, Quwait, Emirati Arabi, Bahrein, Arabia Saudita ed altri ancora… galleggiano sul petrolio e ostentano le loro ricchezze facendo il grattacielo più alto del mondo nel deserto… facendo piste da sci dove ci sono 40 gradi all'ombra… e costruendo alberghi e porti riservati solo ai più ricchi fra i ricchi!

Se questi Paesi musulmani dessero anche solo… “il sovrappiù” ai loro confratelli Musulmani, credete che ci sarebbe l'esodo verso una Europa in ginocchio per la crisi e la disoccupazione? Non mi sembra giusto che le popolazioni europee vengano “strizzate” dalle tasse per dare più di quanto possono dare mentre chi potrebbe far molto non fa assolutamente nulla!

Ma il Corano – per gli stessi governanti Musulmani – è solo un libro che basta non leggere e mi lascia costernato il fatto che nessun politico – italiano o europeo – abbia mai osato sollevare questo… piccolo problema!

(Gian Franco Bonanni)

PER RIFERIMENTI: http://www.huda.it/cent_it/cent_pilastri_32.htm