“Stiamo morendo di burocrazia e di promesse non mantenute”. Gli agricoltori associati a Cia, Confagricoltura e Copagri scendono in piazza giovedì 5 maggio. L'appuntamento è a Bologna nell'area antistante l'ingresso della Fiera, in piazza della Costituzione, a partire dalle 9 e sarà presente pure una delegazione della Cia di Imola. Sono attese delegazioni da tutto il Centro Nord, più di 500 agricoltori in rappresentanza delle regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Toscana.
Ogni azienda agricola produce in media 40 chili di carte ogni anno per adempiere agli obblighi burocratici. Per una sola pratica di presentazione dei Psr si sviluppano oltre 2 chili di materiale cartaceo. Documenti vari la cui elaborazione impegna circa 100 giornate lavorative di un profilo amministrativo. Tutto ciò si traduce in costi altissimi per il settore primario -superiori ai 4 miliardi di euro l'anno- che vanno a sommarsi a quelli produttivi per l'attività ordinaria (i più alti d'Europa), mettendo continuamente a rischio default le aziende agricole italiane. Ma la situazione è ormai insostenibile, aggravata anche dai ritardi nei pagamenti relativi alla Pac 2015, e per questi motivi Cia, Confagricoltura e Copagri hanno deciso di scendere in piazza il 5 maggio con una manifestazione nazionale.

Il “mostro” della burocrazia, però, è solo la punta dell'iceberg di una situazione estremamente complessa per il comparto. Il permanere dell'embargo russo, che macina perdite milionarie ogni giorno, si innesca anche in una fase dove i prezzi all'origine delle produzioni agricole nazionali stanno registrando i minimi storici, con il latte venduto intorno ai 30 centesimi al litro e le arance a 18 centesimi al kg.

Appare fin troppo chiaro quindi -spiegano Cia, Confagricoltura e Copagri- che senza politiche d'intervento urgenti e misure efficaci e puntuali, si profilano situazioni fallimentari per le aziende agricole. Da qui le ferme richieste delle organizzazioni agricole alle Istituzioni di agire con rapidità e dare seguito a quegli interventi annunciati e non realizzati. Il prossimo 5 maggio la mobilitazione -annunciano gli organizzatori- coinvolgerà migliaia di agricoltori che, da tutto il territorio nazionale, raggiungeranno le tre principali piazze della protesta: i produttori delle regioni del Centro arriveranno con le delegazioni a Roma, il Nord si concentrerà a Bologna e gli agricoltori del Sud si daranno appuntamento a Catanzaro.