Imola. Nell'ambito della programmazione del Doc, il Centro di Documentazione Arti Moderne e Contemporanee in Romagna, sarà esposta a palazzo Sersanti dal 13 maggio al 12 giugno, “Sensazioni dell'anima” considerata la più importante opera scultorea di Domenico Baccarini recentemente acquisita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola.

“Sensazioni dell'anima”, una donna nuda in posizione plastica, è considerata fra le opere scultoree più significative dell'autore sia per la sua esecuzione sia per il tema lungamente coltivato dall'artista faentino Domenico Baccarini, esposta nella grande mostra sul Liberty di Forlì qualche anno fa, la magnifica composizione “Sensazioni dell'anima” è la prima opera acquistata dal Doc e considerata a tutti gli effetti simbolo e punto di partenza del Centro di Documentazione.

I riferimenti evidenti a Simbolismo, Verismo e Liberty collocano la statua, eseguita da Baccarini nel 1903, al principio dell'importante stagione artistica romagnola di cui fece parte il “Cenacolo baccariniano”, stagione alla quale il Doc rivolge la sua attenzione. Pensato come Centro di documentazione utile allo studio, all'approfondimento e alla promozione delle arti romagnole di questi ultimi cento anni, il Doc ha fra i sui obiettivi anche quello di perseguire una politica di acquisizioni di opere inerenti all'argomento di interesse.

Dal 13 maggio al 12 giugno l'opera sarà messa in mostra negli spazi del Centro Polivalente “Gianni Isola” a palazzo Sersanti, dove alla scultura è stata riservata una Sala e un allestimento particolarmente suggestivo studiato appositamente per risaltarne la bellezza.