Imola. Nei giorni scorsi Roberto Visani, vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Davide Tronconi, assessore alla Pianificazione Territoriale e Armando Marchi di BeniComuni hanno incontrato una dozzina di cittadini residenti in via II Giugno per illustrare loro il progetto di massima di un nuovo parcheggio ad uso pubblico da realizzare lungo la suddetta strada. L'intervento riguarda la sistemazione di un'area non asfaltata, che in inverno presenta numerose pozzanghere, già utilizzata come parcheggio sia dai residenti della zona sia dai pendolari, vista la vicinanza alla stazione ferroviaria.

Il progetto presentato prevede la riqualificazione dell'area attraverso il rifacimento della pavimentazione e l'asfaltatura, la creazione di un sistema di raccolta delle acque piovane, la dotazione di un impianto di illuminazione con due punti luce e il disegno e la segnatura dei posti auto, secondo le indicazioni previste dal Codice della Strada. Al termine dei lavori sono previsti 13 posti auto, tutti gratuiti.

“Questo intervento risponde alle esigenze dei residenti che da anni chiedevano la sistemazione di quest'area pubblica e anche dei pendolari della stazione che avranno a disposizione un nuovo parcheggio riqualificato che consentirà la sosta gratuita” spiega Roberto Visani. Dopo l'incontro di presentazione ai residenti, seguirà un ulteriore sopralluogo dei tecnici nell'area, insieme ai residenti, per verificare la soluzione migliore rispetto ad alcune scelte progettuali, per arrivare così alla stesura del progetto definitivo. L'obiettivo è di avviare l'intervento entro la fine dell'estate; i lavori hanno una durata prevista in circa trenta giorni (condizioni meteo permettendo). Il costo dell'interveto è di 40mila euro. “Le risorse sono all'interno del patto di solidarietà orizzontale della nostra Regione, grazie al quale il Comune di Imola ha la possibilità di utilizzare il proprio avanzo per una cifra complessiva di 682.160 euro, che ci consente di realizzare una serie di opere pubbliche che da anni avevamo in cantiere, come appunto il parcheggio in via II Giugno e che oggi sono effettivamente realizzabili” conclude Visani.