Imola. “Una Fiera Agricola del Santerno davvero in ottima salute, che ha superato il già grande risultato dello scorso anno, con un'affluenza veramente enorme”. Pierangelo Raffini, assessore all'Agricoltura, commenta così la sesta edizione dell'evento, che va in archivio con un bilancio ulteriormente positivo rispetto al 2015, con soddisfazione da parte del Comune e del Consorzio Utenti Canale dei Molini, che hanno organizzato la manifestazione in collaborazione con le Associazioni Agricole.

“La cosa importante è che anche i tanti operatori presenti con cui ho parlato hanno espresso grande soddisfazione per l'evento, evidenziando come per le sue peculiarità questo appuntamento si distingue tra le Fiere dedicate all'agricoltura” aggiunge Raffini. Sarà per il suo essere una fiera che diventa una festa, per il suo abbinare tradizione e innovazione, di certo il flusso dei visitatori, in gran parte intere famiglie con i bambini, provenienti anche da fuori Circondario è stato continuo fin dalla prima sera, arrivando poi il sabato e la domenica, grazie anche alle positive condizioni meteo, ad una vera e propria invasione del complesso 'Sante Zennaro'. Un'area che si è dimostrata ancora una volta la sede ideale per questo evento, in grado di reggere anche il sensibile aumento degli espositori.
Un pubblico partecipe e divertito, con i bambini protagonisti dei tanti laboratori didattici, di cucina e del gusto e attratti dagli animali in mostra, dai cavalli ai caprini, dagli asini ai bovini, che hanno potuto vedere da vicino e talvolta anche accarezzare. Mentre gli adulti hanno seguito con piena attenzione convegni, mostre ed esposizioni e acquistato frutta e verdura praticamente a chilometro zero, proposta dalle decine e decine di agricoltori del nostro territorio presenti con i propri spazi espositivi. Senza dimenticare il successo delle proposte gastronomiche presentate direttamente dalle realtà del territorio: Gruppo Polentari di Tossignano, Antica Società Maccheroni di Borgo Tossignano, Associazione Sagra Piè Fritta di Fontanelice, Associazione Festa del Garganello di Codrignano e Sentieri in Festa di Fabbrica e dei vini della Doc Colli d'Imola.

“Una Fiera Agricola del Santerno all'insegna della tradizione, ma anche dell'innovazione con eventi dedicati al biologico e alle tecnologie dell'Agricoltura 2.0, che con il grande successo di quest'anno rappresenta una delle manifestazioni più amate in città, insieme a “Imola in Musica” e al “Baccanale” – continua l'assessore Raffini, che è stato presente all'evento praticamente tutti e tre i giorni -. Una fiera vincente perché porta a riscoprire le radici di un territorio e dei suoi produttori agricoli, che meritano di essere conosciuti e valorizzati proprio per la passione, i sacrifici e la fatica che mettono ogni giorno nel proprio lavoro. Infine, voglio ringraziare particolarmente Davide Montanari dell'Ufficio Agricoltura e tutto il personale del Comune che ha lavorato con grande disponibilità e professionalità. Ora l'appuntamento è al prossimo anno, con l'obiettivo di allargare ulteriormente questa importante manifestazione, anche in chiave europea”.