Terremoto politico dopo l'ormai certa vittoria dei No. Il premier Renzi annuncia le sue dimissioni.
“Non siamo riusciti a convincere la maggioranza degli italiani. Mi assumo tutte le responsabilità della sconfitta. Ho fatto tutto il possibile, ma non sono riuscito a convincere gli italiani. Complimenti ai vincitori e un grande abbraccio agli amici del Sì. Io sono diverso dagli altri che si attaccano alle poltrone. L'esperienza del mio governo fInisce qui. Non ce l'ho fatta e la prima poltrona che salta è la mia”. Così Matteo Renzi un'ora dopo la chiusura dei seggi.
Le minoranze parlamentari, ma vincenti nel referendum, chiedono ora  a gran voce le elezioni. “Nessuno pensi di bivaccare in Parlamento in attesa di raggiungere i 4 anni e 6 mesi per ottenere il vitalizio. Ora bisogna subto andare al voto”, queste le parole di Vito Crimi del M5s.