Imola. “Il villaggio dei nonni” è un'idea innovativa contro la solitudine e l'invecchiamento delle persone, nata sul modello dei campi estivi per i giovani ma tagliata sulle esigenze degli anziani sostanzialmente ancora in condizioni di autosufficienza. L'attività avrà inizio il 16 ottobre nel centro sociale La Stalla dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18, saranno garantiti il pranzo con dieta equilibrata e la merenda pomeridiana. Saranno ospitate al massimo 25 persone che pagheranno una retta settimanale di 150 euro (600 al mese, vicino a una pensione minima, ndr) oppure ci si potrà iscrivere pure a livello giornaliero con una retta di 35 euro. Le iscrizioni si raccolgono sabato 7 e sabato 14 ottobre e in seguito ogni giovedì della settimana.

Durante le giornate del soggiorno, saranno organizzate attività intellettive e ricreative finalizzate a migliorare il benessere delle persone “non più giovani”, e potenziare le loro capacità cognitive, aiutandoli a contrastare il grosso problema della solitudine e del sentirsi emarginati.
Le attività varieranno dalla lettura dei quotidiani al gioco delle carte, dalla pittura o creazione di oggettistica alla ginnastica dolce e ginnastiche mediche orientali, dalle lezioni teoriche riguardante il benessere, la salute e l'alimentazione, al canto al ballo ed alla organizzazione e partecipazione a spettacoli di vario genere fino a una karatè leggero. Settimanalmente verranno invitati ospiti che tratteranno argomenti a tema in linea con le esigenze e gli interessi dei partecipanti e mensilmente verranno festeggiati i compleanni dei partecipanti. Ad accogliere gli anziani ci saranno una persona in tirocinio formativo dell'Asp e operatori socio sanitari della coop Igea. Per decidere i 25 da accogliere, saranno svolti dei colloqui con schede specifiche. Non saranno accolti nel “villaggio” anziani in carrozzina non autosufficienti con particolari problemi per i quali esistono già i Centri Diurni dell'Asp.

Altro obiettivo è l'educazione Intergenerazionale, che verrà perseguito favorendo l'incontro nella stessa struttura di nipotini e nonni per organizzare qualcosa come mercatini e uno scambio interculturale con donne provenienti da tutto il mondo che porteranno a conoscenza dei nonni la loro cultura. Il tutto per l'organizzazione della coop Igea. Sarà garantito un servizio infermieristico bisettimanale per controlli di routine: rilievo dei parametri pressori, frequenza cardiaca e consigli di vario genere. In convenzione con l'Auser sarà a disposizione, di chi lo richiederà, il trasporto dalle abitazioni di residenza al centro sociale e viceversa.

Il vicesindaco e assessore ai servizi sociali Roberto Visani si è detto “favorevole a questo progetto che nasce dalla collaborazione di una coop sociale e del centro La Stalla allo scopo della promozione di un invecchiamento attivo dopo il pensionamento”.