Imola. Gli Archivi Mazzini hanno aperto le loro porte per trasferire una selezione dei loro abiti nella dimora settecentesca di Palazzo Tozzoni a Imola. La mostra, unica nel suo genere, verrà inaugurata venerdì 1 dicembre, ore 18, in via Garibaldi 18. Nella giornata di domenica 3 dicembre si terranno due visite guidate gratuite alle ore 15.30 e alle ore 17 con Carla Marangoni degli Archivi di Ricerca Mazzini e Claudia Pedrini, direttrice dei Musei Civici di Imola.

Palazzo Tozzoni a Imola

Non si tratta di una sfilata, neppure di un focus sulla storia del costume.“Ricerche di stile. Gli Archivi Mazzini a Palazzo Tozzoni” è piuttosto un racconto sulle mille declinazioni di cui si è sempre nutrito il mondo della creatività in generale e quello della moda in particolare. I salotti, gli ambienti più privati, le sale di rappresentanza e le stanze destinate ai servizi di Palazzo Tozzoni, con i pregiati arredi, tessuti e dipinti originali, espressione dei diversi stili dell’abitare tre Sette e Ottocento, accolgono centocinquanta capi “capolavori” degli oltre 500 mila che, ricoprendo un ampio arco cronologico, costituiscono il grande Archivio Mazzini di Massa Lombarda al quale si rivolgono, come fonte ispiratrice, i protagonisti della moda di tutto il mondo.


La capacità di assorbire, rielaborare, rigenerare e portare a nuova vita gusti, modelli e culture – caratteristica propria del Made in Italy – è il tema di questa esposizione voluta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola in collaborazione con i Musei Civici di Imola – Assessorato alla Cultura e con il patrocinio dell’Istituto Beni culturali dell’Emilia Romagna, che si terrà dal primo dicembre al 28 febbraio 2018, al fine di far conoscere due grandi patrimoni culturali del territorio: gli Archivi di Ricerca Mazzini e Palazzo Tozzoni.

Miyake, Fortuny, Jil Sander aprono la mostra nel grande ed elegante salone d’onore; i sontuosi abiti d’ispirazione etnica dai forti accostamenti cromatici di Romeo Gigli dialogano con i damaschi cremisi e le specchiere dorate dell’appartamento barocchetto; gli abiti scultorei e tridimensionali di Maurizio Galante abitano l’austero appartamento impero a fianco di mobili dai forti volumi; i voluminosi e leggeri vestiti da ballo di Dolce Gabbana e Jean Paul Gaultier spiccano nella sala da musica dell’appartamento Impero, mentre i famosi corpetti di questi grandi stilisti ispirati alla biancheria intima sono esposti tra gli oggetti per l’igiene personale appartenuti agli antichi abitanti del palazzo.

La luminosa loggia attraverso cui la natura entra nel palazzo ospita la moda floreale tra cui spiccano capi unici come il costume da bagno anni Cinquanta di Schiapparelli; la cucina, fucina di creatività gastronomica, ospita le creazioni di Issey Miyake che utilizza insoliti materiali normalmente non associati alla moda; infine i vestiti Stone Island ispirati a quelli in uso nel mondo del lavoro si affacciano dalle cantine del palazzo dove ancora si respira il profumo del vino. E in tutto il palazzo gli abiti di Valentino, Callaghan, Marni, Cappucci, Galliano, Versace, Prada, Margiela, Bolzoni, Watanabe, delle sorelle Fontana dialogano con gli spazi e ne condividono le suggestioni.

Il percorso continua nella sede della Fondazione Cassa di risparmio di Imola, al centro Gianni Isola che ospita gli abiti dell’Archivio Mazzini selezionati per la copertina dell’ultimo disco di Mina e Celentano “Le migliori” che ritrae un fotomontaggio in cui i due artisti si sdoppiano e posano con stravaganti abiti femminili. Accanto vi sono gli abiti di carta protagonisti delle pubblicità degli anni Sessanta. Al centro Isola verrà inoltre proiettato un documentario di 20 minuti sulla realtà degli Archivi Mazzini, con la partecipazione dello stilista Romeo Gigli per la regia di Mauro Bartoli.