Imola. Tre furti in altrettanti bar in pieno centro storico verso le 4 del mattino del 19 gennaio. I due malviventi, che hanno agito a volto scoperto, sono stati individuati da alcune telecamere di videosorveglianza. All'Opera Doulcis in piazza Matteotti, i due ladri hanno rotto una piccola porzione di una vetrata d'ingresso e si sono introdotti nello stretto spazio tagliandosi, infatti a terra è rimasto del sangue che potrebbe risultare una traccia preziosa. Hanno portato via solo il fondo cassa di poche centinaia di euro. Stesso metodo al Bar Roma in piazza Gramsci. Lì, hanno sfondato una vetrata servendosi di un tavolino che si trovava all'esterno, sfasciandolo nell'operazione. Si sono dovuti sempre accontentare del fondo cassa. A pochi metri, sotto la galleria del Centro cittadino, al BarCode, hanno alzato la saracinesca facendo scattare l'allarme, poi hanno spaccato la vetrata, ma non hanno portato via nulla perché non era stato lasciato niente nel fondo cassa e a tal punto dovevano agire in fretta. Sulle loro tracce, ci sono i carabinieri.

Sull'argomento, anche seppur non solo perché la campagna elettorale per le elezioni amministrative è già iniziata, sono intervenute alcune forze politiche di opposizione. Il Movimento 5 stelle ha dichiarato: “Ci auguriamo che le telecamere di sorveglianza permettano l'individuazione dei responsabili di tali atti, ma nel farlo ricordiamo anche che l'amministrazione del sindaco Daniele Manca è la stessa che per anni ha negato il problema della sicurezza pubblica a Imola. Prima hanno accusato di malafede chiunque avesse l'ardire di contraddire il racconto della maggioranza che a Imola tutto va bene madama la marchesa. Poi il Pd ha bocciato una nostra mozione che voleva un aumento della videosorveglianza con la giustificazione che noi volevamo 'criminalizzare i poveri', progetto che poi hanno ripreso prendendosene il merito”.

Per la Lega Nord bisogna “capire chi e come è responsabile della mancanza di sicurezza nel nostro territorio e cambiare rotta. Servono più agenti ma il Pd che ha governato fino ad oggi ci ha lasciato sempre meno forze dell'ordine a pattugliare le strade. Servono investimenti per la prevenzione ma fino ad oggi non si è mai sentito di qualche crimine sventato grazie alle telecamere installate dal Comune. Ci viene il dubbio che servano solo a controllare i ciclomotori che entrano nella Ztl. Serve consapevolezza del problema ma fino ad oggi, ascoltando chi ha governato la città, sembra che tutto fili liscio e che il problema sia solo legato ad una percezione sbagliata dei cittadini”.