Castel San Pietro (Bo). Il bilancio preventivo 2018, già discusso e approvato dai sindacati confederali, è stato presentato lunedì 22 gennaio a piazza XX Settembre. “E' un bilancio che mostra quanto siamo siamo capaci di mantenere elevati gli standard qualitativi e quantitativi dei servizi offerti ai cittadini senza nessun aumento della pressione fiscale e tributaria – afferma il sindaco Fausto Tinti – Abbiamo ottenuto un ulteriore rafforzamento dei servizi offerti a imprese e cittadini attraverso un importante turnover di assunzione del personale unitamente a una innovazione tecnologica nella gestione dei servizi”.

“Abbiamo voluto – prosegue Tinti – una drastica riduzione del debito pubblico che unitamente ad un maggiore recupero dei crediti, ci consentirà di mobilizzare risorse finanziarie utili a raggiungere gli obiettivi strategici che ci siamo prefissati, uno per tutti le nuove scuole Sassatelli e il Polo di Osteria Grande. Queste politiche da noi intraprese comporteranno quindi una flessibilità di manovra con possibilità future anche di ridurre la pressione fiscale. A questi aspetti, va associata una significativa crescita degli investimenti pubblici che consolideranno e svilupperanno una ripresa economica sostenendo così in modo strutturale la lotta alle fragilità sociali attraverso occupazione e reddito. Vorrei anche mettere in evidenza come questa amministrazione si sia spesa nell'ambito dell'edilizia scolastica con la costruzione, l'ampliamento di nuovi e più moderne strutture. Noi crediamo che il futuro dei nostri giovani passi attraverso la scuola, la cultura, l'insegnamento e solo con una politica che guarda avanti e crede alle giovani leve fornendo gli spazi necessari per la loro crescita e formazione. Infine, ma non ultimo come importanza è il nostro impegno a sostegno dell'ambiente. Non ci può essere sviluppo, crescita e benessere se di pari passo non sosteniamo una politica ambientale, energetica e di cura del territorio. Sappiamo che i nostri concittadini sono da tempo pronti ad un cambiamento culturale improntato su una maggiore tutela ambientale. Siamo convinti pertanto che anche il nuovo servizio di raccolta differenziata sarà bene accolto per l'importanza che riveste in ambito di minor inquinamento e dispersione”.

Ma sono i numeri che confermano ulteriormente le parole del sindaco e il risultato ottenuto come spiega l'assessore al bilancio Anna Rita Muzzarelli: “Il risultato di questo bilancio dimostra l'importante impegno del 2018 nel perseguire e migliorare i servizi rivolti ai cittadini e territorio con 18 milioni di risorse destinate alla parte corrente e 17 milioni di investimenti oltre a 2 milioni di Investimenti realizzati sul nostro territorio da enti esterni. Dei 18 milioni di parte corrente, 8 milioni di euro sono destinati ai servizi per cittadini ed imprese (44% delle risorse) e oltre 2 milioni e mezzo alla manutenzione e funzionamento del territorio con 198 km di strade e 87 ettari di giardini e parchi. Anche la sfida sui rifiuti si dimostra nei numeri: 3 milioni 400 mila euro è il costo del servizio, il 18% delle nostre risorse. Importi che con l'entrata del nuovo servizio di raccolta differenziata diminuiranno portando alla riduzione delle tariffe.

L'analisi di questo bilancio, oltre a confermare le linee politiche, ne dimostra la solidità e la capacità di trovare forme innovative di finanziamento. “Solidità – continua Muzzarelli- che si dimostra nella capacità di spendere all'altezza delle proprie possibilità senza incrementare tasse e tariffe, ricorrendo per il 93% alle proprie risorse, continuando nella lotta all'evasione fiscale e nel recupero dei crediti e investendo senza incrementare l'indebitamento. Debito che siamo riusciti a portare a soli 221 euro per abitante e potendo quindi contare su maggiori risorse da destinare alla realizzazione dei progetti strategici prefissati in particolare le Scuole Sassatelli e il Polo Scolastico di Osteria Grande. Solidità nella capacità di pagare i fornitori con un tempo medio di soli 38 giorni e che ci pone tra i Comuni italiani più veloci.

Infine Muzzarelli entra nel merito della capacità di reperire nuove forme di finanziamento: “In questi anni di forte abbassamento di trasferimenti statali (7% delle nostre risorse) sono quasi 8 milioni di euro i finanziamenti che questo bilancio intercettata tra cui Fondi Europei, Statali e Regionali e 7 milioni il valore dell'acquisto delle quote del Fondo Immobiliare , l'innovativo strumento individuato per la realizzazione del Polo Scolastico di Osteria Grande e la valorizzazione del territorio”.