Imola. Pioggia di imolesi alle elezioni politiche. Anche “Insieme”, il raggruppamento dove si trovano Verdi Socialisti e Area Civica alleati al Pd, schiera Francesco Chiaiese (ex fan di Giuliano Pisapia che ha abbandonato la contesa elettorale) al Senato nel proporzionale al quarto posto nel collegio comprendente Piacenza, Modena, Reggio e Parma. A Imola, invece, scenderà in campo, per “Insieme”, sempre al Senato al terzo posto, Gennaro Mancino, segretario cittadino del Psi. Ovviamente, quasi impossibile per loro essere eletti mentre è molto probabile che si presentino “insieme” anche alle elezioni amministrative a Imola di maggio nel centrosinistra a sostegno del candidato sindaco del Pd.

Parte favorito invece, di “Insieme”, nel collegio di Imola nell'uninominale alla Camera per il centrosinistra Serse Soverini, ulivista non molto conosciuto a Imola che dovrà guardarsi da Claudio Frati, ex candidato a sindaco del Movimento 5 stelle che cinque anni fa si piazzò secondo dietro a Daniele Manca, e da Simonetta Mingazzini del centrodestra un po' più defilata perché radicata soprattutto a Dozza dove ha svolto finora tutta la sua attività politica.

Il mandatario di Chiaiese sarà la fida Stefania Battilani, da sempre a fianco dell'ex segretario di Sel tanto da succederne anche alla segreteria dello steso partito. I punti fondamentali della campagna elettorale di “Insieme”, rende noto Chiaiese, saranno: stop allo smog – 45 miliardi di danni al nostro paese e 90mila decessi all'anno a causa dell'inquinamento non sono più tollerabili; una rinnovata politica residenziale pubblica con la riqualificazione di un milione di alloggi, lo stanziamento di 500 milioni l'anno – per 10 anni – per gli italiani in difficoltà abitativa, costituzione di un fondo permanente di morosità e altre idee meritorie ma per le quali servono parecchi denari.