Faenza. Una prima annata incoraggiante, stando soprattutto ai numeri: sono stati infatti presentati martedì 30 gennaio i dati statistici 2017 dell'attività della Polizia municipale all'interno dell'Unione dei Comuni della Romagna Faentina.

All'interno dell'Unione sono presenti due servizi operativi (più uno di staff) che sono suddivisi rispettivamente per la Vallata del Senio e per quella del Lamone, che centralizzano le attività di supporto e di staff; novità di quest'anno inoltre è l'estensione del servizio diurno a serale in tutta l'Unione, dalle 18.30 fino alle 00.30, attivo anche la domenica e non solo in occasione di feste paesane e sagre.

Per quanto riguarda le “crescite” all'interno dello staff di polizia, nell'arco di tempo dal 1° gennaio al 1° dicembre 2017 il numero agenti è aumentato di sei unità, mentre nel 2018 lo scopo è quello di aumentare il numero rispettivamente di altri 2 agenti e altri 2 ispettori.

Sugli incidenti rilevati invece, si è registrato un numero complessivo di 464 incidenti rilevati dai sistemi di rilievo, di cui 11 mortali e 5 di essi causati da malori in strada (che colpiscono per lo più persone anziane uscite di strada); altri 6 incidenti di questi invece sono stati causati rispettivamente da mancate precedenze (1), pedoni investiti sulle strisce (2, di cui uno in viale Marconi a Faenza e uno a Castel Bolognese), ciclisti investiti (1 sulla casolana e 1 a Solarolo) più altri 4 incidenti che coinvolgono pedoni e ciclisti.

Da quest'anno inoltre è stato realizzato un investimento di 20mila euro al fine di informatizzare totalmente le strutture di rilievo incidenti.
Nell'ambito del rilevamento velocità, si può dire che è stata intensificata l'attività di controllo della velocità, così come per le infrazioni semaforiche.
Per quanto concerne infine l'attività della Polizia giudiziaria, il numero delle denunce è passato dalle 827 del 2016 a 602 nel 2017.

(Annalaura Matatia)