Castel San Pietro (Bo). Una notizia positiva è giunta sotto il Cassero dalla Fondazione Carisbo, che nei giorni scorsi ha deliberato la concessione di due contributi a favore di due importanti realtà castellane, oggetto in questo periodo di onerosi interventi di sistemazione: il Convento dei Frati Minori Cappuccini, al quale sono destinati 10mila euro, e il Santuario della Beata Vergine di Poggio, che riceverà 15mila euro.

“Il Convento dei Frati Cappuccini e il Santuario di Poggio sono due realtà che stanno particolarmente a cuore all'Amministrazione comunale e a tutta la nostra comunità – afferma il sindaco Fausto Tinti -. Il Convento dei Frati Cappuccini è da sempre al centro della vita culturale e sociale, oltre che religiosa, della città. Un luogo dove c'è sempre un sorriso, una porta aperta. Il profondo rapporto di affetto che da sempre esiste fra i castellani e i frati è un valore importante, che vogliamo custodire e valorizzare. Il Santuario è un luogo di culto strettamente legato a Don Luciano Sarti, che ne fu il rettore, una figura molto amata nel territorio, per la quale è stato avviato il processo di beatificazione, un luogo che potrà essere sempre di più valorizzato all'interno di percorsi turistici, culturali e religiosi. Ringrazio la Fondazione Carisbo per l'attenzione e la generosa disponibilità che ha dimostrato verso il nostro territorio, anche a seguito dell'evidenza data dall'Amministrazione Comunale a questi interventi, assegnando questi due preziosi contributi. La raccolta fondi non è ancora conclusa, invitiamo i cittadini e gli operatori economici a continuare a donare”. I lavori alla Chiesa del Convento dei Cappuccini sono quasi terminati. Manca solo la tinteggiatura esterna, per la quale si attende, da parte della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio, il parere sul colore da applicare. L'edificio, risalente al 1640, necessitava di un intervento importante di consolidamento e messa in sicurezza delle tre cappelle laterali poste sul fronte Nord, lungo la via Tanari, del costo di oltre 250mila euro, una spesa per la quale i Frati non possono contare né su sovvenzioni, né sull'8 per mille. Anche per questo il sindaco Fausto Tinti e l'Amministrazione Comunale si sono impegnati nel promuovere la raccolta fondi con varie iniziative, fra le quali un incontro di presentazione tenuto a giugno 2017 all'interno dello stesso convento, al quale avevano partecipato numerose imprese e tutti gli istituti di credito che operano nel territorio, fra i quali anche la stessa Carisbo. In quella occasione il sindaco aveva fatto appello alla città perché in tanti dessero il loro contributo, sottolineando l'impegno dell'Amministrazione Comunale al fianco dei Cappuccini.

Il Santuario di Poggio è oggetto di un intervento di sistemazione interna ed esterna per risolvere un problema di umidità e infiltrazioni di acqua piovana, che interessano in particolare la facciata esterna, a destra dell'ingresso principale. I lavori riguarderanno anche il recupero di un antico dipinto murale,  risalente probabilmente al 1500, venuto alla luce nei mesi scorsi. Per l'intervento occorrono in tutto 260mila euro, in buona parte finanziati dalla Cei, e per il resto con i contributi della comunità di Poggio e dei tanti amici del Santuario, fra i quali si può dunque annoverare anche la Fondazione Carisbo.