Dozza. Hanno tentato una rapina al negozio “Zama Calzature”, ma alcuni di loro sono stati fermati dai carabinieri. E' accaduto nel pomeriggio del 6 febbraio, quando la Centrale Operativa del 112 di Imola è stata informata che da un taxi fermo nella zona commerciale di Toscanella erano scese quattro persone sospette. La segnalazione è stata trasmessa subito a una pattuglia dei carabinieri di Dozza che stava controllando il territorio.

Appresa la notizia, i militari dell'Arma si sono diretti velocemente sul posto e una volta giunti, nonostante l'inferiorità numerica, sono intervenuti per fermare i quattro uomini che si erano resi responsabili di rapina impropria in concorso ai danni dell'esercizio. Alla vista dei militari che stavano arrivando, due appartenenti della banda sono riusciti a fuggire, mentre gli altri due sono stati arrestati per rapina impropria con una certa difficoltà perché invece di collaborare, hanno opposto resistenza ferendo i militari. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario. I due malviventi sono disoccupati e sono conosciuti in materia di reati concernenti il Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero.

In particolare nei confronti del più giovane dei due di origine marocchina, è emerso un provvedimento del Questore di Catania per abbandonare il territorio nazionale a seguito di un decreto di espulsione che aveva emesso la Prefettura di Catania. Il trentasettenne era stato già arrestato in un casolare abbandonato nel territorio di Castel San Pietro nel 2015. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, i due rapinatori sono stati rinchiusi in carcere.