Si profila un terremoto pure in Emilia Romagna almeno stando a una parte piuttosto consistente delle sezioni scrutinate nel grande collegio del Senato, da Bologna fino a tutta la Romagna, che comprende pure quasi tutto il territorio imolese. In 226 sezioni scrutinate su 637 era in testa nell'uninominale il candidato del centrodestra Alberto Balboni con il 35% davanti a Sandra Zampa del centrosinistra con il 31% con terzo l'imolese ex pretore Ezio Roi del Movimento 5 stelle al 25,42%. Il tutto in un territorio da sempre tradizionalmente di sinistra che invece subirebbe una cocente sconfitta.

Guardando ai partiti al Senato, sempre si 226 schede su 637 il Pd con l'ex sindaco di Imola Daniele Manca capolista era poco sopra al 27% poco davanti al Movimento 5 stelle con il 24,8%, mentre nel centrodestra la Lega fa un balzo in avanti al 21%, Forza Italia cede sangue all'alleato fermandosi al 10,3% e Fratelli d'Italia supera il 7%. Liberi e Uguali non raccoglie quasi per nulla i voti in uscita dal Pd e si ferma poco sopra al 4%.

Pure alla Camera, nel collegio più propriamente imolese ma con pochissime sezioni scrutinate a notte fonda, nell'uninominale il candidato del centrosinistra Serse Soverini era di pochissimo davanti alla candidata del centrodestra Simonetta Mingazzini (entrambi sopra al 30%), mentre Claudio Frati del Movimento 5 stelle era al 27,5% e Paola Lanzon per Liberi e Uguali al 4,73%. Anche nelle prime sezioni sezioni di Imola, ripetiamo ancora non significative che a tarda notte avevano terminato il loro lavoro, Il Pd era primo partito appena sopra al Movimento 5 stelle (28% a 27%) mentre nel centrodestra la Lega con il 17,5% si confermava superiore a Forza Italia 11,3%. Ma per i risultati definitivi e da commentare bisogna aspettare ancora molte ore.

(m.m.)