Faenza. Sarà possibile – a partire da sabato 10 marzo per tutti i sabati a venire – visitare il Teatro Comunale “Masini”; un'iniziativa eccezionale, promossa dall'assessorato alla Cultura del Comune di Faenza assieme alla Pro Loco della città manfreda.
Un'iniziativa che a sua volta è il frutto di una decisione presa in seguito a un periodo di “test” (aperture sperimentali) che ha avuto molto successo (200 turisti “singoli”, ed altrettanti gruppi soprattutto di visitatori provenienti da altri comuni o comuni comunque limitrofi, ndr); il periodo di prova ha avuto luogo dall'8 dicembre 2017 al 28 gennaio scorso.
Costruito su progetto dell'architetto Giuseppe Pistocchi, decorato e stuccato dallo scultore Antonio Trentanove, che lo hanno reso un vero e proprio gioiello dell'architettura del periodo Neoclassico, il Teatro è inserito all'interno della Strada europea dei teatri storici (a cui corrisponde la sigla inglese Ehrt – acronimo di European route of historic theatres) che collega tra di loro120 teatri tra quelli storici più preziosi e meglio conservati d'Europa; la Strada Europea è articolata in 12 strade nazionali, tra cui la North Italian Route di cui fanno parte altri prestigiosi teatri italiani. Come il Teatro olimpico di Vicenza, il Teatro All'Antica di Sabbioneta, il Teatro Scientifico Bibiena di Mantova ed altri 7 teatri storici del nord Italia.
A costo contenuto, i biglietti sono acquistabili prima della visita presso la Pro Loco nel Voltone della Molinella adiacente al Teatro.

(Annalaura Matatia)