Imola. Un “civico di sinistra” alla Lamberto Montanari tanto per fare un nome quotato in città come il dirigente scolastico del polo liceale o alla Sergio Santi è l'ultimo identikit del candidato sindaco del centrosinistra. Oppure il giovane ex consigliere comunale Marco Panieri che però non è per niente un civico anche se si dà un gran da fare ed è presente nell'associazione di giovani Restart oltre a essere un presenzialista in diversi consessi. Inoltre, se diventasse primo cittadino sarebbe controllabile dal senatore Daniele Manca. Si parla di un civico di sinistra o di Panieri quando ormai la decisione sta per essere presa perché il nome secco dovrebbe essere presentato lunedì 9 al tavolo della coalizione dove ci sarà pure Mdp e martedì 10 aprile in conferenza stampa.

Una persona bene informata dei fatti appare l'ex consigliere comunale civico Andrea Zucchini, tornato in città per una serie di incontri politici negli ultimi giorni: “E' vero, mi hanno cercato non solo partiti, ma soprattutto tante persone alle quali è rimasto un buon ricordo di me quando cinque anni fa presentai una lista ed entrai in consiglio comunale all'opposizione”.

Zucchini, come vede la situazione politica verso le amministrative del 10 giugno?
“Il centrodestra per la prima volta è unito o quasi, ma mi sarei aspettato un candidato sindaco della Lega che ha doppiato Forza Italia alle elezioni politiche del 4 marzo oppure un giovane trentenne professionista di area. Palazzolo è una brava persona, ma viene dall'Asinello, da una lunga presenza in consiglio comunale e nel 2013 non è nemmeno riuscito a farsi eleggere pur presentandosi come candidato sindaco. Nel Movimento 5 stelle, ho grande rispetto per Manuela Sangiorgi, ma non mi pare che in cinque anni di consiglio comunale abbia mostrato la caratura da candidato sindaco”.

Resta il centrosinistra dove manca il nome ufficiale.
“Mi auguro che trovino un civico che vada bene alla coalizione e in tal caso dovrebbe avere una connotazione di sinistra perché sarà presente pure Mdp. Spero non sia un 'civico mascherato'. Panieri? E' un bravo ragazzo, se il Pd lo candidasse forse strapperebbe qualche voto al centrodestra e ai grillini, ma resta il fatto che non è un civico come mi pare finora sia stato promesso”.

E Zucchini si candida il 10 giugno e se sì dove?
“Non mi candiderò, anche se seguo sempre la politica della mia città e cercherò di dare un contributo portando imprenditori stranieri e agevolando la conoscenza dei nostri all'estero”.

(m.m.)