Faenza. Nata a Brescia nel 1993, l'Accademia maestri pasticceri italiani (Ampi) rappresenta l'essenza massima della professionalità nell'ambito della pasticceria nazionale di livello superiore. Ampi, che riunisce maestri pasticceri accomunati dall'esperienza, dalla qualità, dalla professionalità e dalle spiccate doti artistiche applicate alla tradizione italiana, ha lo scopo di rilanciare la pasticceria di qualità.

Dallo scorso 27 febbraio anche Faenza ha il suo rappresentante all'interno dell'Accademia: si tratta di Sebastiano Caridi, tra i più giovani membri del prestigioso ente.
Classe 1988, nato a Reggio Calabria, fin da piccolo Caridi lavora nel laboratorio di famiglia in cui il padre (anche lui pasticcere) lo porta a conoscere il meraviglioso mondo dell'arte pasticcera, fatto di umiltà, amore , passione e tanto sacrificio. Terminata la maturità, Sebastiano lascia la propria terra d'origine per andare a formarsi alla Cast Alimenti di Brescia (la più rinomata scuola del settore in Italia), ed entra in contatto con i Maestri più noti del panorama mondiale della pasticceria.

Dopo aver partecipato a parecchi concorsi e programmi – tra cui il Reality “Il più grande Pasticcere” (nel 2015) – Caridi decide di dare vita al suo sogno aprendo il primo atelier del dolce nel cuore della città, in cui I clienti possono assaggiare prodotti di alta pasticceria, mignon, brioches, torte (tra cui la torta “rivelazione”, creata dal pasticcere stesso e con cui ha vinto il reality, ndr), e molto altro.
Un motivo di vanto quindi per la città di Faenza, luogo – seppur di piccole dimensioni – ricco di eccellenze italiane di vari settori.

(Annalaura Matatia)