Imola. Si sono mobilitati i vertici nazionali del Pd, all'hotel Molino Rosso lunedì 16 aprile in serata, per sostenere la candidatura dell'avvocato Carmela “Carmen” Cappello a sindaco di una coalizione che comprende pure Articolo 1-Mdp (seppur con una parte imolese non convinta che ha votato contro a grande maggioranza in assemblea, ndr) e tre liste civiche. Un segno che un'eventuale sconfitta alle elezioni amministrative del 10 giugno nella città che fu di Andrea Costa, con quasi certo ballottaggio il 24 dello stesso mese, sarebbe un segnale molto negativo se non una disfatta per il Pd che viene già da un risultato fortemente penalizzante alle politiche del 4 marzo a livello nazionale e in città. Il segretario del Pd di viale Zappi ha presentato “quello imolese come un esempio di valenza nazionale di un centrosinistra largo allargato al civismo”.

“Quando ci sono le elezioni bisogna vincere. Questa è la cosa importante. Ci sta il ballotaggio, il primo turno, il secondo turno. L'importante è riuscire a portare nelle case dei nostri concittadini la proposta forte di governo della realtà, fare squadra e presentare idee per il futuro di una realtà come questa,
importantissima”. Il segretario reggente del Pd Maurizio Martina commenta così la sfida per le prossime comunali dove i dem candidano l'avvocatessa Carmela Cappello, sostenuta anche da Mdp-Art.1 e da realtà civiche.

“Sono fiducioso – ha detto Martina – che questo lavoro possa essere riconosciuto da tutti. Chiediamo naturalmente a tanti di darci una mano, come è giusto che sia. Questa è una proposta che si
aprirà al coinvolgimento di tutti quelli che vogliono aiutarci. Si sta facendo un bel lavoro aperto, nuovo, forte, radicato, e credo che questo lavoro vada incoraggiato”.

Anche Andrea Orlando, leader della minoranza dem e presente alla direzione regionale in quanto eletto in Emilia-Romagna dà il suo placet al percorso imolese: “Bisogna pensare di fare in modo
tale di non andare al secondo turno e mi pare che i passi che sono andati nella direzione dell'unità siano da salutare positivamente”. La presenza di Martina, che era accompagnato dal segretario regionale Paolo Calvano, fa pensare alle voci che girano e che danno l'attuale segretario del Pd di viale Zappi Marco Raccagna (che in autunno lascerà l'incarico come da sue dichiarazioni) come futuro segretario regionale o con un ruolo a livello nazionale in segreteria a Roma. Ma prima bisogna assolutamente vincere a Imola e bene.

(m.m.)