Faenza. Un percorso ciclopedonale protetto collegherà il centro abitato di Granarolo e l'agglomerato residenziale di Borgo Prati. Il progetto di fattibilità approvato dalla giunta comunale interessa un tratto di via della Repubblica – strada provinciale n. 44 “Granarolo”, e confina con aree private per una lunghezza complessiva di circa 550 metri. Il costo complessivo dell'opera è stimato in 200mila euro.

La ciclopedonale avrà una larghezza di 2 metri e mezzo – salvo alcuni tratti limitati di larghezza inferiore causa preesistenti condizioni vincolanti – e sarà delimitata dalla sede stradale tramite cordolo. Il fondo è previsto in conglomerato bituminoso a raso, previo sottofondo in stabilizzato misto, con tombinamento dei fossi esistenti e collocazione di pozzetti di raccolta delle acque meteoriche. Il lato sulle proprietà private sarà invece delimitata con una recinzione in paletti di ferro e rete elettrosaldata. A completamento dei lavori verrà infine realizzato un ponticello in legno sul fossato “Cantrighetto” e installata la segnaletica verticale e orizzontale necessaria.

Per finanziare l'opera, è intenzione dell'amministrazione candidare il progetto al bando promosso dall'Istituto per il credito sportivo, Anci e Federciclismo che prevede contributi per l'abbattimento totale, fino a 25 anni, degli interessi per i mutui destinati a finanziare la realizzazione e il miglioramento di piste ciclabili e ciclopedonali. L'accoglimento del progetto rappresenterebbe un notevole risparmio di spesa.

Per l'assessore ai lavori pubblici Claudia Zivieri: “si tratta di un'opera richiesta da tempo dagli abitanti della frazione e dal consiglio di quartiere, per un tratto di strada provinciale pericoloso e già teatro in passato di gravi incidenti. I lavori consentiranno di migliorare notevolmente il livello di sicurezza dei trasferimenti ciclabili con il centro abitato di Granarolo e l'utilizzo da parte dell'utenza debole”.