Imola. Primi nomi della lista Imola Più, formata da una parte di Cielle che sostiene il centrosinistra a traino Pd con la candidata a sindaco Carmela Cappello. Come era ampiamente prevedibile, il capolista sarà Romano Linguerri, medico chirurgo dell'ospedale “S. Maria della Scaletta” che nello scorso mandato ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale della lista Fornace Viva, aggregata alla coalizione di centrosinistra. Esperienza confluita poi nel nuovo progetto civico Imola Più, che coinvolge diverse espressioni e idealità legate da un fondo comune di valori.

Fra i nomi in lista spicca quello di Bahija Afouzar (nella foto), giovane avvocatessa laureatasi con il professor Ugo Ruffolo con una tesi sulla Sharia (il centro della religione islamica, ndr) e i diritti della persona. Membro fondatore dell'Afd International Italian (organizzazione non governativa dei diritti umani), è presidente della Consulta Comunale Intercultura e Integrazione. Altro nome con conoscenza della macchina amministrativa visto che è in consiglio comunale da lungo tempo è quello di Alessandro Mirri, laureato in ingegneria meccanica in pensione da anni dalla Cognetex. Mirri ha iniziato la sua attività politica nel 1965 e nel 2007 viene eletto vicesegretario provinciale dell'Udc. Nel 2008 viene eletto nel Consiglio comunale di Imola nella lista del Pdl e ne diviene il vicepresidente; carica che assumerà anche nel suo secondo mandato da consigliere, a partire dal 2013. Nel dicembre del 2017, come presidente dell'Associazione culturale Tommaso Moro, fonda la Lista Civica Imola Più. Del gruppo, non fa più parte l'ex assessore Mirco Cantelli che fu indicato da Fornace Viva in un primo momento nel 2013 e nemmeno l'ex assessore Annalia Guglielmi che ha preferito trasferirsi in ImolaFuturo in compagnia dell'ex collega Giuseppina Brienza.