Imola, 4 maggio 2018. Con più di un'ora di ritardo sull'orario fissato delle 9.30 è iniziata la prova orale per la selezione pubblica del nuovo direttore generale di Formula Imola.
Due i candidati, Pier Giovanni Ricci – attuale direttore – e, contrariamente alle anticipazioni Roberto Marazzi, ex campione automobilistico con un curriculum di tutto rispetto anche come pilota.

Abbiamo avuto la possibilità di scambiare qualche cordiale parola con i due candidati, a loro agio nei panni dei concorrenti.
“la programmazione delle attività di un autodromo si misurano nel medio termine. Il direttore di un impianto sportivo complesso, come lo è un autodromo, ha bisogno di un mandato di largo respiro per potere lavorare sulla programmazione. Non è ragionevolmente possibile, facciamo un esempio, organizzare una gara internazionale in poco tempo. Sono attività, soprattutto di tipo relazionale, che si svolgono e necessitano dei loro tempi”. Come dargli torto viste le vicende che hanno toccato, negli ultimi anni, l'autodromo Ferrari.

Marazzi, di Roma classe 1951, ha corso come pilota la prima volta nel circuito di Imola nel 1970. Ha quindi una competenza anche tecnica della pista del Santerno. Vanta inoltre una laurea all'università la Sapienza. L'ultima occupazione è invece in Aci Sport. Un curriculum di tutto rispetto che potrebbe fare la differenza nella valutazione della commissione presieduta dalla prof.ssa avvocato Maria Giulia Roversi Monaco.

L'esito della selezione è atteso entro la fine di maggio ma è probabile che il candidato scelto, il cui nome sarà reso noto sul sito web della società, arrivi prima della scadenza fissata dal bando.

(Verner Moreno)