Imola. Ancora un attacco all'Acer, nel cui cda siede la candidata a sindaco del centrosinistra a trazione Pd Carmela Cappello, da parte del consigliere regionale che sarà presto anche comunale a piazza Matteotti per la Lega Daniele Marchetti (nella foto).

“A finire sotto la luce dei riflettori è un immobile situato in via Galileo Galilei 3 a Imola, nel quale, da mesi, venivano segnalati allagamenti delle cantine, presumibilmente causati da problematiche legate all'impianto fognario. Ebbene – spiega il consigliere imolese del Carroccio – nonostante le segnalazioni degli inquilini, per far intervenire Acer, è stata necessaria una mia interrogazione in Regione. In data 9 maggio infatti, ho provveduto a depositare un atto ispettivo per far luce su questa situazione, e guarda caso l'11 maggio, una prima squadra si è recata sul posto per ricercare le botole fognarie occultate dal terreno per poter pulire i relativi pozzetti. Un altro intervento invece, eseguito in un secondo momento, aveva come obiettivo l'individuazione del percorso della rete fognaria e di un'eventuale fossa di raccolta molto grande'. Badate bene: a proposito di questo secondo intervento, Acer parla di 'un'eventuale' fossa di raccolta, come ad ammettere di non essere a conoscenza nemmeno delle caratteristiche della rete fognaria di quel palazzo”, rincara Marchetti.

Dunque è certo che nessun aiuto arriverà dalla Lega al centrosinistra nel ballottaggio del 24 giugno. Non ci sarà nemmeno un apparentamento con il Movimento 5 stelle che però potrebbe essere visto con maggiore simpatia da buona parte degli elettori locali del partito del vicepremier Matteo Salvini. E almeno per ora neppure Forza Italia, che non avrà alcun rappresentante in consiglio comunale e che pure a livello nazionale è con il Pd all'opposizione del governo M5s-Lega, pare intenzionata a schierarsi a favore della Cappello.