Spett. redazione,
in data 11 giugno u.s., sulla testata giornalistica www.leggilanotizia.it veniva pubblicato un articolo dal titolo “Imola Più chiede alla Cappello un'idea di giunta, Boninsegna vuole confrontarsi”, nel quale è stata riportata la seguente inveritiera affermazione “C'erano due liste che hanno come riferimento il mondo di Comunione e liberazione in lizza alle elezioni amministrative del 10 giugno”
Lo scrivente Movimento locale di Comunione e liberazione intende precisare l'assenza di qualunque legame, di qualunque natura, tra le formazioni politiche presentatesi alla tornata elettorale del 10 giugno u.s. e il medesimo Movimento, formazione ecclesiale di educazione alla fede cristiana nata dal carisma di Don Giussani.

Il nostro Movimento vede con favore la libera iniziativa di partecipazione di tutti i cittadini – così come degli appartenenti al Movimento, in quanto tali – alla vita sociale e politica del Paese, in ossequio alla Dottrina Sociale della Chiesa nonché al contenuto dell'art. 2 della nostra Costituzione.
Purtuttavia il Movimento, nella cattolica consapevolezza che il valore della singola persona è bene primario da perseguire a prescindere da qualunque appartenenza partitica, ha sempre evitato un impegno in politica attiva, sia a livello locale che nazionale.

Per i motivi di cui sopra, il Movimento di Comunione e Liberazione di Imola non ha appoggiato né appoggia alcuna formazione politica in corsa nella tornata elettorale del 10 giugno u.s. così come al ballottaggio previsto per il 24 giugno, né può considerarsi “riferimento” di tali medesime formazioni.